Vesiker, come trattare i sintomi dell’incontinenza

Vesiker è un noto medicinale di trattamento della “vescica iperattiva” e dei sintomi del bisogno urgente di urinare.

Vesiker
credit: stock.adobe.com/PRASERT

Vesiker è un antagonista dei recettori muscarinici, e funziona bloccando l’azione di alcune sostanze chimiche nel corpo per aiutare a diminuire i problemi di minzione causati dalla vescica iperattiva.

Cosa sapere prima dell’assunzione

Vesiker può causare sonnolenza o visione offuscata. Questi effetti possono essere peggiori se si assume il medicinale con alcool o con altri alcuni farmaci. Dunque, il prodotto deve essere usato con cautela, senza guidare o eseguire altre attività potenzialmente pericolose fino a quando non si sa come il proprio corpo reagisce ai suoi principi attivi.

Vesiker può causare una diminuzione della sudorazione. Dunque, sarebbe opportuno non surriscaldarsi troppo nella stagione calda, perché possono verificarsi colpi di calore. Contattare dunque il proprio medico se siete stati esposti ad alte temperature e sviluppate febbre, vampate di calore, pelle calda e secca, mal di testa grave o persistente, vertigini, stanchezza o debolezza improvvisa o grave, battito cardiaco veloce, convulsioni o svenimenti.

Vesiker può altresì determinare secchezza delle fauci. Per aiutare ad alleviare la secchezza delle fauci, è consigliabile succhiare caramelle senza zucchero o cubetti di ghiaccio, masticare gomme senza zucchero, bere acqua o usare un sostituto della saliva.

Un grave effetto collaterale chiamato angioedema è segnalato in pochi casi, con l’uso di Vesiker. Contattate il medico se si sviluppano gonfiore di mani, viso, labbra, occhi, gola o lingua; difficoltà di deglutizione o respirazione; o raucedema.

Vesiker in gravidanza

Se siete incinta o avete intenzione di rimanere incinta, contattate il vostro medico. Sarà necessario discutere i benefici e i rischi dell’uso del Vesiker durante la dolce attesa. Non è comunque noto se Vesiker possa passare nel latte materno. Non allattate dunque al seno durante l’assunzione di Vesiker.

Effetti collaterali di Vesiker

Effetti collaterali di Vesiker
credit: stock.adobe.com/pikselstock

Tutti i farmaci possono causare effetti collaterali, anche se molte persone non ne hanno affatto, e altre ne hanno in misura molto lieve.

Verificare dunque con il proprio medico se uno qualsiasi di questi effetti collaterali più comuni persistono o diventano fastidiosi:

Consultare un medico immediatamente se uno qualsiasi di questi effetti collaterali si verificano improvvisamente:

  • gravi reazioni allergiche;
  • confusione;
  • costipazione che dura 3 o più giorni;
  • diminuzione della sudorazione;
  • minzione difficile o dolorosa;
  • battito cardiaco irregolare lento;
  • allucinazioni;
  • cambiamenti di umore o mentale (es. depressione);
  • arrossamento o peeling della pelle;
  • severi capogiri, stanchezza o nausea;
  • severo mal di stomaco;
  • gonfiore delle mani, caviglie o piedi;
  • mal di testa insolito o grave.

Si tenga conto, comunque, che questo non è un elenco completo di tutti gli effetti collaterali che possono verificarsi. Se dunque avete domande sugli effetti collaterali, contattate il vostro medico o il personale sanitario di riferimento.

Come assumerlo

È bene utilizzare Vesiker come indicato dal medico. Controllatedunque l’etichetta sul farmaco per le istruzioni esatte di dosaggio. Vesiker può essere assunto per bocca, con o senza cibo, ingoiato per intero con acqua.

Continuare ad assumere Vesiker secondo le indicazioni del proprio medico, anche se ci si sente bene. Non saltare le dosi e, se si salta una dose di Vesiker, recuperare quella perduta e tornare al normale orario di dosaggio. Non prendere comunque due dosi nello stesso giorno per recuperare quella perduta.

Chi non dovrebbe assumerlo

Alcune condizioni mediche possono interagire con Vesiker. Informate dunque il medico o il farmacista se si:

  • è incinta, si sta pianificando una gravidanza, o si sta allattando al seno;
  • sta assumendo un medicinale con prescrizione medica o da banco, preparazione a base di erbe, o integratore alimentare,
  • soffre di allergie a medicinali, alimenti o altre sostanze,
  • hanno problemi di stomaco o intestinali, costipazione, difficoltà a urinare, o un debole flusso urinario,
  • soffre di glaucoma ad angolo stretto, problemi epatici o renali, o storia di problemi cardiaci,
  • assume un farmaco che può aumentare il rischio di un certo tipo di battito cardiaco irregolare.

Alcuni medicinali possono notoriamente interagire con Vesiker. Avvisare dunque il proprio medico se si stanno assumendo altri farmaci, in particolare:

  • potassio per via orale (es. compressa) perché il rischio di irritazione di stomaco o intestino può essere aumentato da Vesiker;
  • antimicotici azolici (es. itraconazolo, ketoconazolo), antibiotici macrolidi (es. claritromicina), nefazodone, inibitori della proteasi (es. boceprevir, ritonavir), o telitromicina perché possono aumentare il rischio di effetti collaterali della solifenacina.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella. Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia