Allerta alimentare, cozze ritirate dal mercato: il motivo

Allerta alimentare nel nostro Paese per via di alcune cozze ritirate per la presenza di batteri e tossine. Tutte le specifiche del caso

Allerta alimentare cozze ritirte
Cozze (Pixabay)

Allerta alimentare in corso per via di alcuni lotti di cozze che sono state ritirate dal mercato. L’allerta è stata diffusa dal RASFF, il sistema di allerta europeo rapido per la sicurezza alimentare che ha parlato di due referenze di cozze contaminate. Sarebbero alterata dal batterio Escherichia Coli e non solo e per questo nocive per la salute delle persone.

Le cozze sono state importate dall’estero e in seguito ai controlli di rito hanno mostrato la loro contaminazione contenendo, in alcuni casi il pericoloso batterio e in altre tossine che possono causare una grave sindrome.

Nello specifico, infatti, le segnalazioni emesse per le cozze sono due. Vediamo di cosa si tratta e a cosa bisogna fare attenzione.

LEGGI ANCHE –> 4 frutti di cui non dovreste mai buttare la buccia

Allerta alimentare, tutte le specifiche sulle cozze ritirate

Allerta alimentare sulle cozze importate dall’estero che riguarda come abbiamo detto due segnalazioni nello specifico, ognuna delle quali con dettagli da segnare. L

a prima riguarda le cozze vive, le Mytilus galloprovincialis che provengono dalla Spagna. Queste vengono poi purificate nel nostro Paese e grazie a questa operazione è stata riscontrata la presenza di Escherichia coli con una percentuale di fino a 330 MPN per 100 grammi di prodotto. Questo tipo di cozze è stato ritirato dal mercato prima che la distribuzione arrivasse anche in altri Paesi dell’Unione Europea.

LEGGI ANCHE –> Cibi troppo salati, i trucchi per rimediare

Il secondo caso di ritiro riguarda, invece, le cozze cotte congelate, le Mytilus galloprovincialis, sempre di origine spagnola nella quali è stata riscontrata la presenza di tossine responsabili della Sindrome diarroica da molluschi bivalvi, patologia neurotossica grave che non va per nulla sottovalutata.

Per entrambi i ritiri non sono stati comunicati né la marca e né tantomeno il lotto. Di solito viene sempre specificato ma in questo caso, siccome il prodotto non ha mai raggiunto i punti vendita e il consumatore finale, non è stato necessario. Non solo in Italia ma nemmeno all’estero. Ecco che così tutti i consumatori di cozze possano stare tranquilli perché non corrono nessun rischio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *