Repellenti per zanzare: quali scegliere per difenderti da questi insetti fastidiosi

I repellenti sono di sicuro l’arma migliore per difenderci dalle zanzare: andiamo a vedere quali sono i migliori da scegliere per contrastare questi insetti fastidiosi.

repellenti per zanzare quali scegliere
(foto pixabay)

Esistono numerosi repellenti che allontanano le zanzare dalle nostre case. Tuttavia non tutti sono uguali, in quanto alcuni di essi possono provocare danni anche alle persone che li utilizzano. Facciamo quindi una panoramica generale sui repellenti per zanzare e scopriamo quali faremo bene a scegliere.

Come combattere le zanzare

Le zanzare sono considerate uno degli insetti più fastidiosi secondo molte persone. Esse si presentano nelle nostre case soprattutto durante le calde stagioni, in particolare quando il clima è umido. Esse sono considerate fastidiose perché si nutrono con il nostro sangue, regalandoci così uno sgradevole prurito che può durare anche intere giornate.

puntura di zanzara
(foto pixabay)

Con il tempo sono nati numerosi repellenti per far fronte a questi fastidiosi insetti. Riguardo la loro scelta, le opzioni sono davvero tante: possono essere sotto forma di spray, oli essenziali o semplici braccialetti. Di conseguenza la domanda sorge spontanea: come facciamo a sapere quali sono i più efficaci? Per rispondere a ciò è bene conoscere qualche informazione in più sui repellenti.

Potrebbe interessarti anche: Catambra, la pianta antizanzare. Come coltivarla?

I repellenti sul mercato

Tutti i repellenti contengono biocidi: sostanze chimiche che hanno lo scopo di allontanare le zanzare. Di conseguenza, prima di essere messi sul mercato questi prodotti devono ottenere l’autorizzazione. A proposito di ciò esiste un apposito regolamento stabilito dall’Unione Europea.

repellente per zanzare
(foto pixabay)

Tale regolamento garantisce un attento controllo sulle sostanze presenti nei repellenti. Esse infatti non devono mettere a rischio la salute dell’uomo, degli animali e dell’ambiente circostante. Ovviamente viene controllata anche l’efficacia del prodotto contro gli insetti che vogliamo tenere lontani.

Repellenti per zanzare: quali scegliere?

Per capire quali sono i repellenti più indicati da acquistare è necessario considerare l’ECHA (Agenzia europea per le sostanze chimiche). Sul sito della suddetta agenzia è presente una lista di prodotti consigliati per combattere il nostro nemico delle calde stagioni. Essendo presenti su questo sito, i prodotti in questione non contengono sostanze nocive per la nostra salute. Eccone alcuni:

Olio di neem

Questo prodotto viene estratto dall’Azadirachta: una pianta che si trova soprattutto in India ed in Birmania. Pur non essendo molto conosciuto esso rappresenta uno dei rimedi più infallibili per contrastare la presenza delle zanzare. È sufficiente applicare poche gocce di questo prodotto sulla pelle ed il risultato sarà assicurato.

Olio essenziale di menta

L’olio essenziale di menta è usato soprattutto per donare profumo all’ambiente grazie al suo forte profumo. È proprio questa caratteristica che infastidisce le zanzare, che quindi evitano di entrare in casa.

olio essenziale di menta
(foto pixabay)

Citronella

La citronella è uno dei rimedi più naturali per tenere lontane le zanzare: si tratta infatti di una pianta. Il modo più efficace per far sì che questo rimedio funzioni è quello di mettere la coltivare la pianta in piccoli vasetti e mettere questi ultimi in diverse stanze della casa.

Citriodiolo

Anche in questo caso si tratta di un prodotto completamente naturale, in quanto il prodotto si ricava dalle foglie di eucalipto. Questo prodotto può essere sia coltivato in casa propria sia essere comprato in alcuni supermercati sotto forma di spray. Per un effetto immediato è sufficiente spruzzarsi addosso una piccola quantità di prodotto.

Geraniolo

Il geraniolo è un liquido incolore che, come si può intendere dal nome, viene estratto dalle foglie di geranio. Esso può essere acquistato in profumeria ed è anche considerato un repellente per zanzare. Il motivo ha a che fare anche stavolta con l’odore, particolarmente sgradevole per questi insetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *