Vaccino anti-covid in gravidanza sì o no? Cosa sostiene la sanità americana

Vaccino anti-covid durante la gravidanza consigliato o no? Ecco gli ultimi aggiornamenti dalle autorità sanitarie americane. 

vaccino anti-covid in gravidanza
(Foto Pexels)

Il vaccino anti-covid in gravidanza, dopo il terzo mese, è stato approvato dalle autorità sanitarie americane che ne consigliano fortemente la somministrazione. A lungo si è dibattuto, soprattutto in Italia, sulle modalità e sul momento migliore per assumere il vaccino, ma la strada sembra ancora incerta.

Vaccino anti-covid dopo il terzo mese, approvato dagli USA

Dopo mesi di incertezza, i Centers for Disease Control and Prevention americani hanno approvato la somministrazione di Pfizer e Moderna dal terzo trimestre in poi. Il successo della campagna di vaccinazione statunitense è scaturito dalla stretta sorveglianza e dalla raccolta dati locale. A livello comunale, le autorità si sono impegnate a registrare, caso per caso, gli effetti dei vaccini sulle donne in gravidanza, non rilevando alcun caso anomalo.

Analisi dati e diagrammi su un foglio
(Foto Pexels)

La reazione al vaccino registrata dai database federali americani

Per le donne incinte e vaccinate sarebbero state minime le differenze di reazione ai vaccini anti-covid Pfizer e Moderna. Su un campione di 35.000 donne in gravidanza, alle quali è stata somministrata una dose di vaccino, non sono stati registrati effetti collaterali rilevanti. L’unico sintomo che le donne incinte hanno accusato è stato un segno di nausea, subito dopo l’iniezione e un dolore più acuto al momento della somministrazione.

Potrebbe interessarti anche: Nausea in gravidanza, come combatterla

Rischi al minimo, consigliata la somministrazione

Considerata la letalità del coronavirus di 1,5 casi su 1000 donne, le autorità sanitarie americane sostengono che il tasso di parti prematuri e aborti sia ridotto ad una minima percentuale. Il vaccino è dunque fortemente raccomandato alle donne incinte dopo il terzo mese.

Somministrazione vaccino ad una ragazza da parte di un infermiere
(Foto Pexels)

I benefici del vaccino anti-covid sulle mamme e sui figli

La scarsità di dati a disposizione disponibile fino a qualche mese fa, non aveva consentito la disposizione di chiare direttive da parte delle autorità sanitarie. Recentemente, invece, è stato confermato che i nati da madri vaccinate posseggono già gli anticorpi contro il coronavirus. Questi anticorpi sono inoltre trasmessi da madre in figlio tramite allattamento.

Potrebbe interessarti anche: Lattoferrina e covid-19, dove si trova e quali sono i suoi benefici

La situazione in Italia

Sebbene nulla sia ancora confermato, sembra che anche in Italia, a breve, saranno consentite le somministrazioni di Pfizer e Moderna. Come confermato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, non è certo che i rischi del coronavirus superino i benefici del vaccino. Le donne incinte, affette dal virus, hanno una possibilità sensibilmente maggiore di abortire o partorire prematuramente. Il vaccino ridurrebbe questi rischi, ma la sperimentazione è ancora in corso.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *