Come riutilizzare le bustine di tè in tanti modi utili e creativi

Ecco come riutilizzare le bustine di tè in tanti modi utili e creativi e dare una seconda vita all’ingrediente principale dell’amata bevanda calda.

Bustine tè
(Foto Pixabay)

Da quando la raccolta differenziata si è diffusa in tutto il paese è diventato comune gettare le bustine di tè nel bidone dell’umido. La maggior parte delle bustine infatti è realizzata in materiali biodegradabili che si decompongono insieme agli scarti alimentari. Anche se è un rifiuto facilmente riciclabile prima di essere gettate le bustine di possono essere riutilizzate in tanti modi utili e creativi. Queste preziose foglioline possono così trovare una seconda vita prima di tornare a far parte della terra.

Riutilizzare le bustine di tè: tante idee sfiziose

Il tè è un ingrediente davvero molto utile anche fuori dalla cucina e le vecchie bustine possono essere riutilizzate per pulire la casa, per la cura della persona e anche in giardino. Ecco alcuni modi in cui riutilizzare il tè.

Bustine tè
(Foto Pixabay)

Il tè per pulire la casa

Mettendo in infusione le vecchie bustine di tè nell’acqua che utilizzerai per pulire puoi creare un ottimo detersivo naturale efficace per risolvere questi problemi comuni:

  • Il tè è perfetto per lucidare e donare brillantezza a mobili in legno e parquet.
  • Il tè è un ottimo alleato per togliere l’unto in cucina, è perfetto per sgrassare le superfici come il vetro, l’ottone e il legno.
  • Pulire specchi e vetri con il tè è semplice, rimuove gli aloni, le macchie e le impronte lasciando lucide le superfici.
  • Aiuta a spolverare e ad allontanare gli acari della polvere.
  • Il tè nero è indicato per lucidare l’argenteria.

Inoltre le vecchie bustine si possono utilizzare per profumare l’ambiente, i cassetti o gli armadi. Le bustine usate sono anche perfette per catturare i cattivi odori del frigorifero e renderlo profumato.

Potrebbe interessarti anche: Disinfettare casa con prodotti naturali: idee per fare ecopulizia

Il tè per la cura della persona

Le numerose proprietà del tè rendono le vecchie bustine un ottimo ingrediente per i rimedi caserecci per curare piccoli disturbi come:

  • Per ridurre i sintomi  delle verruche si può utilizzare un impacco di tè verde da posizionare per qualche minuto sulla zona interessata.
  • Per alleviare i disturbi delle scottature basta bagnare una vecchia bustina e passarla delicatamente sull’ustione oppure appoggiarvela sopra e lasciarla agire.
  • Un impacco con una bustina bagnata può aiutare anche a far passare i lividi più in fretta.
Tè verde
(Foto Pixabay)

Le bustine di tè si possono riutilizzare anche per la cura estetica:

  • Le proprietà antiossidanti del tè possono essere sfruttate per creare un rilassante e rigenerante bagno caldo.
  • Lasciando in infusione le vecchie bustine nell’acqua si può ottenere una maschera per capelli perfetta per dare lucentezza e nutrire le chiome scure.
  • Un impacco con le bustine bagnate può aiutare a ridurre il gonfiore sotto gli occhi.
  • Strofinare una bustina sulle dita aiuterà a rimuovere i cattivi odori dalle mani dopo aver tagliato aglio e cipolla.

Tè e giardinaggio

Per finire, estraendo le foglie dalle bustine si possono usare come concime per i vasi e in giardino. Rimuovendo la graffetta metallica e se non contengono plastica possono essere messe nel compost. Le bustine di tè non sono l’unica cosa che si può riutilizzare, esistono tanti modi anche per riciclare in casa la carta.

Elena Oldani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *