Dolcificante: un grave effetto collaterale sull’intestino appena scoperto

È appena stato scoperto un grave effetto collaterale che il dolcificante ha sull’intestino: ecco cosa è emerso dal nuovo studio pubblicato dal MDPI.

dolcificante effetto collaterale intestino
(Foto Pixabay)

Il dolcificante è il miglior amico di chiunque intraprenda una dieta per perdere peso. Al contrario dello zucchero normale e di quello di canna i dolcificanti rendono dolci cibi e bevande senza aggiungere calorie. L’uso dei dolcificanti però è sempre stato discusso in quanto lo zucchero, seppur più calorico e con tutti i suoi difetti, è comunque una sostanza naturale. Da un nuovo studio è emerso un ulteriore effetto collaterale del dolcificante artificiale: la parte del corpo interessata questa volta è l’intestino.

Dolcificante e dieta

Moltissime persone quando iniziano una dieta dimagrante sostituiscono lo zucchero con il dolcificante artificiale. Ogni cucchiaino di zucchero ha al proprio interno 20 calorie che, se sommate durante la giornata, possono aumentare significativamente l’apporto calorico giornaliero.

cola
(Foto Pexels)

Il dolcificante è un ingrediente efficiente per tagliare le calorie in eccesso, ma il suo utilizzo non si limita soltanto alle bevande calde. Sempre più spesso infatti, è sostituito allo zucchero anche nei prodotti confezionati e nelle bibite”zero” o light. Sono moltissime le ricette che ormai includono anche, in alternativa, le dosi di dolcificante tra i propri ingredienti.

Inoltre il dolcificante è utile soprattutto per i diabetici. A differenza dello zucchero non incide sulla glicemia ed è quindi un ingrediente che non da problemi a chi soffre di questo disturbo.

Potrebbe interessarti anche: Stevia: un dolcificante naturale e salutare?

Lo studio sugli effetti del dolcificante

Il nuovo studio pubblicato sul MDPI, Publisher of Open Access Journals, e condotto da Havovi Chichger ha evidenziato dei seri effetti collaterali provocati dal dolcificante artificiale. Il saccarosio, il sucralosio e l’aspartame vanno a creare uno squilibrio tra i batteri dell’intestino.

Le sostanze di cui sono fatti i dolcificanti artificiali vanno ad influire sulla qualità dei batteri “buoni” che normalmente di trovano nell’intestino. Questi iniziano così ad invadere le pareti intestinali avendo come conseguenza l’insorgere di patologie anche gravi.

Nello specifico i due batteri che risentono di più gli effetti dei dolcificanti sono l’ E. coli e l’E. faecalis. Era già noto che questi strumenti della dieta vanno a modificare i batteri intestinali ma, per la prima volta, è emerso che i batteri possono trasformarsi in patogeni.

Potrebbe interessarti anche: Quando lo zucchero è troppo? I segnali dell’organismo che avvisano di smettere

L’autore della ricerca si è detto preoccupato dai risultati dello studio: tra le conseguenze più gravi del cambiamento dei batteri in patogeni c’è la sepsi. Questo accade perché i batteri modificati si attaccano alle cellule Caco-2, ovvero le cellule epiteliali dell’intestino, invadendole e uccidendole, causando quindi una maggiore formazione di biofilm.

Elena O.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *