Come reagire correttamente a un flamer

I flamer sono coloro che infiammano le discussioni. A volte sono persino assunte apposta. Scopri come uscire dalle discussioni con loro a testa alta.

flamer
(Foto: Pexels)

Vengono chiamati anche provocatori e si trovano ovunque. Ma i più famosi sono “le tigri da tastiera” che, solitamente, si contraddistinguono per un linguaggio scurrile e offensivo. Ma attenzione, perché ci sono compagnie che ne assumono apposta, per generare interesse verso i propri post e thread. I flamer altro non sono che persone tossiche, dedite a iniziare e portare avanti discussioni sterili, a volte con il coinvolgimento di altri utenti, spesso fake. L’obiettivo? Secondo gli psicologi è attirare l’attenzione. Qui ti spieghiamo come non abboccare e uscirne fuori a testa alta, specialmente quando i metodi classici non funzionano.

Come rispondere alle provocazioni dei flamer

provocazioni
(Foto: Pexels)

Sono affermazioni inutili, pensate per infastidire e irritare, pertanto, la prima reazione dovrebbe essere quella di ignorarle. “Flamer” significa, infatti, “infiammatore” d’animi, ma sono conosciuti anche come “troll”.

Potrebbe interessarti anche: Come combattere le persone tossiche: tutti i consigli che bisogna seguire

Alcuni vengono assunt* quotidianamente, con lo scopo di generare interesse verso prodotti di consumo, personaggi dello spettacolo, argomenti a sfondo sociale ed influencer.

Se proprio non riuscite a non reagire, allora disinnescateli. L’ideale è una bella risata o un commento che dimostri chiaramente il vostro disinteresse. Tattiche valide anche nella vita reale.

Nel caso siat* già entrate in discussione, prestate attenzione ai segnali. Il provocatore non ha nessun interesse a collaborare. Non solo non vi darà ragione ma non proverà nemmeno a discutere, dimostrando che le argomentazioni di sue interesse sono solo offese e insulti personali.

Inutile perdere il vostro tempo; se siete sui social media, fate appello a gli strumenti messi a disposizione: segnalate, quando potete, e bloccate l’account.

Potrebbe interessarti anche: Cosa sono i confini personali e perché è importante stabilirli e difenderli

Nella vita reale, le cose sono un po’ più complicate ma non impossibili. La regola numero 1 è evitare il soggetto. Quando avrà capito che gli siete indifferenti, si stancherà. Ma se la cosa prende connotati più seri, non esitate a far ricorso alle risorse umane o alle autorità competenti.

Per tutte le informazioni e i consigli su benessere e lifestyle, seguici su Instagram e Pinterest.

La Ica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *