Scambiare una pianta tossica per un alloro: è successo alla Lidl

Nella parte francese della nota catena lidl hanno scambiato una pianta tossica per un alloro: l’errore ha messo a rischio molti consumatori.

Lidl Francia: una pianta velenosa scambiata per alloro
da pixabay

Sembra una barzelletta se non fosse che è successo davvero e che, immagino, le persone che si sono trovate nel piatto una pianta tossica piuttosto che un innocente alloro non hanno riso per nulla. Succede nella parte francese della nota catena Lidl: per un errore di cartellino e catalogo, è stato spacciato per alloro una pianta di ciliegio.

Sì che le due piante si assomigliano, e possiamo concedere questa simil-giustificazione. Peccato che l’alloro sia commestibile e il ciliegio invece non solo non è commestibile ma anche proprio velenoso. Insomma, come barzelletta è un tantino pericolosa, per dir così.

Ti potrebbe interessare anche-> Arriva la stangata su gas ed elettricità: ma ci sono i bonus

Qual è la pianta tossica dall’aspetto di Alloro

Lidl Francia: una pianta velenosa scambiata per alloro
da pixabay

Il prunus lauruscerasus, anche volgarmente il ciliegio, o anche- e questo la dice lunga- “l’alloro ciliegio” è una bellissima pianta. Ha un arbusto forte e delle belle foglie lucide. In realtà, una così maestosa pianta, nasconde diversi pericoli.

Ti potrebbe interessare anche-> nuova tassa sui rifiuti : stavolta è più green

Oltre al fatto che le sue foglie siano velenose, è una pianta infestante che sottrae spazio alle specie autoctone, pesando gravemente sull’ecosistema.  Originario dalla Turchia, c’è stata a lungo la cattiva abitudine di abbandonare gli arbusti in zone selvagge dove gli arbusti iniziavano a proliferare incontrollati.

Una pianta da prendere insomma con le pinze: la Lidl l’ha fatta grossa. In realtà, per amore di chiarezza dobbiamo dire che sull’etichetta vera e propria c’era riportato il vero nome della pianta. Ma per i consumatori più disattenti, che si sono fermati al volantino, il pericolo è stato abbastanza grave. Motivo per il quale l’articolo è stato fatto oggetto di un richiamo.

Serena Garofalo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *