Spazzolino da denti e contaminazione di germi e batteri: come mantenerlo pulito

Ad ogni utilizzo si possono accumulare moltissimi germi e batteri nello spazzolino da denti, cosa fare per evitare le contaminazioni e tenerlo pulito

Evitare contaminazione nello spazzolino
Spazzolini da denti (Screenshot da Facebook)

Ogni giorno lo spazzolino viene utilizzato per curare l’igiene dentale, in molti però non sanno quanti germi e batteri possono contenere. Ad ogni utilizzo possono essere infatti contaminati da batteri e germi che possono poi causare anche delle malattie.

Ci sono delle ‘regole’ da seguire per evitare che lo spazzolino sia sporco e pieno di germi e batteri. E’ anche importantissimo sapere quante volte in un anno bisogna sostituirlo con uno spazzolino nuovo, c’è gente che lo utilizza per periodi lunghissimi.

Stando ad uno studio condotto dall’Università di Manchester in ogni spazzolino da denti si possono accumulare oltre 10 milioni di batteri, più di quelli che si accumulano sul pavimento di un bagno pubblico o su una tavoletta del water.

In ogni spazzolino da denti la contaminazione inizia già dal primo utilizzo, naturalmente più viene usato e più sarà sporco. Proprio per questo è importante sapere ogni quanto bisognerebbe cambiarlo. Anche il luogo in cui viene conservato può diminuire o aumentare la quantità di germi e batteri. Secondo alcuni studi la custodia per la testina può far sopravvivere e moltiplicare i batteri poiché si crea un ambiente umido.

Inoltre, lo spazzolino non dovrebbe essere tenuto mai ad una distanza inferiore ad un metro e 50 dal water per evitare la formazione di muffa e batteri. Da non sottovalutare anche il design dello spazzolino, sembra infatti che se le setole sono troppo vicine le une alle altre i batteri si infilano con più facilità.

Ecco come evitare la contaminazione di germi e batteri nello spazzolino da denti

Evitare contaminazione nello spazzolino
Spazzolini da denti (Screenshot da Facebook)

Esistono alcuni semplici trucchetti che vi permetteranno di mantenere il vostro spazzolino più pulito, evitando così la contaminazione di germi e batteri.

Potrebbe interessarti anche: Igiene orale, il dentifricio nel lavaggio dentale: come usarlo

Il primo consiglio è quello di fare dei risciacqui con il collutorio prima di lavare i denti. In questo modo il numero di batteri che dalla bocca si possono trasferire allo spazzolino diminuisce. Dopo aver lavato i denti immergete lo spazzolino nel collutorio per pulire accuratamente le setole ed uccidere germi e batteri.

Potrebbe interessarti anche: Come scegliere lo spazzolino da denti e quando è da cambiare

E’ importante sapere ogni quanto tempo lo spazzolino dovrebbe essere cambiato. Quando le setole appaiono rovinate e sfilacciate lo spazzolino non è più adatto ad eliminare residui di cibo e placche. Secondo uno studio durante le prima 12 settimane la quantità di batteri e germi che si accumulano sullo spazzolino resta quasi invariata, inizia però a crescere dopo questo lasso di tempo. Per questo è molto importante cambiare lo spazzolino ogni tre mesi.

Sara Fonte

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *