L’eyeliner: croce e delizia del make-up. Qualche trucco

L’eyeliner, croce e delizia del make-up: è un dettaglio che cambia il viso ma alle volte…che fatica! Ecco qualche trucco per metterlo bene.

Come applicare bene l'eyeliner
da pixabay

C’è una leggenda metropolitana che dice che l’eyeliner sa quando vai di fretta e puntuale, come un orologio svizzero, comincia a colare, a tremolare, fino a diventare inguardabile. E tu, per l’ennesima volta, devi iniziare punto da capo.

La verità è che questo trucco è tanto fondamentale quanto difficile. Da allo sguardo un magnetismo carico e ricco di grinta e, spesso, è la base per arrivare ai trucchi più complessi. Un po’ come la matematica: se non sai le tabelline non puoi arrivare alle espressioni. Il problema è che, esattamente come le tabelline da piccoli, imparare a metterlo non è sempre facile. Anzi, facile non lo è mai.

Bisogna tirare le linee sugli occhi in maniera uguale, bisogna fare tratti sicuri, bisogna che non coli: insomma, all’inizio è un vero e proprio incubo. Ovviamente con la pratica e l’esperienza, la difficoltà decresce ma all’inizio armatevi di pazienza, batuffoli e struccante. Tanto struccante. E anche tanta pazienza, se è per questo.

Vediamo qualche trucco che può aiutarci ad iniziare questa frequentazione nel migliore dei modi.

Ti potrebbe interessare anche-> Come eliminare le occhiaie: tutti i consigli utili

Eyeliner, i trucchi per un applicazione perfetta

Come applicare bene l'eyeliner
da pixabay

Anzi tutto, vi consiglio di scegliere un applicatore congruo. L’eyeliner esiste col pennellino, con le penne, con il gesso, con lo stick. Insomma le possibilità di scelta sono davvero molteplici ma per iniziare vi consiglio di acquistare la versione a penna: vi consente infatti di fare tratti più sicuri, senza dovervi improvvisare Giotto a furia di pennellate. Le altre versioni sono infatti per le mani più esperte che hanno già preso sicurezza.

Ti potrebbe interessare anche-> Come avere unghie sempre curate e mai scolorite: il trucchetto sorprendente

Nel breve tempo dell’applicazione potreste provare a tenere il respiro per limitare quanto più possibile ogni minimo movimento. Trovate inoltre una superficie su cui poter poggiare il gomito, così i muscoli non saranno in tensione e non saranno soggetti a tremore. Inoltre, da sapere assolutamente: non tirate l’occhio ma seguite le linee naturali dell’occhio.

Serena Garofalo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *