Differenza tra consumarsi entro e preferibilmente entro: data di scadenza

Differenza tra consumarsi entro e preferibilmente entro, impariamo a leggere le etichette che riguardano la durata del nostro cibo.

etichetta
(Foto Inran)

Quante volte ci ritroviamo un prodotto della nostra dispensa finito dietro a tanti altri e poi dimenticato?

Quante volte, puntualmente, ci chiediamo se è ancora buono da mangiare, nonostante la data di scadenza sia prossima o addirittura già passata?

Ecco perché è importante conoscere la differenza tra consumarsi entro e preferibilmente entro. Imparare finalmente a comprendere fino a quando possiamo mangiare un prodotto, anche se scaduto.

Scopriamo insieme, qual è il termine ultimo per l’utilizzo dei nostri cibi in dispensa e quale la differenza tra consumarsi entro e preferibilmente entro.

Differenza tra consumarsi entro e preferibilmente entro

Queste due diciture sono quelle che più ci mandano in confusione, consumarsi entro e preferibilmente entro, ci manda al manicomio. Vediamo come si interpretano.

data scadenza
(Foto Inran)

Quando ci rechiamo al supermercato a fare la spesa per la settimana, siamo tutti lì intenti a ricercare il prodotto più sano, con meno calorie, pochi grassi e comunque buono da mangiare.

Tuttavia effettuata questa spasmodica ricerca, il passo successivo è quello di controllare la data di scadenza.

La data di scadenza è una delle informazioni più cercate e lette sulla confezione dei prodotti alimentari ma molto spesso la lettura può risultare più insidiosa di quello che può sembrare.

Sono in molti, infatti a non distinguere la differenza tra consumarsi entro e preferibilmente entro.

Infatti, possono sembrare due termini simili e invece hanno una differenza sostanziale e niente affatto trascurabile.

Dicitura: Da consumarsi entro

La data di scadenza o il TMC (termine minimo di conservazione) dei prodotti alimentari è una delle informazioni obbligatorie da fornire ai consumatori in base alla normativa vigente (tranne alcune eccezioni).

Esistono alcuni alimenti che possono essere consumati fino alla data indicata, ma non dopo, anche se hanno un bell’aspetto e un buon odore.

In base a questo criterio, la confezione deve riportare la dicitura “Da consumarsi entro”. Sempre presupponendo che la confezione resti intatta e il prodotto venga conservato secondo le istruzioni.

Mangiare il cibo scaduto, ossia oltre la data indicata (data di scadenza) può essere rischioso per la salute.

L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, suggerisce di evitare di fare acquisti guidati dall’impulso dello “shopping” e di stilare una spesa pianificata evitando sprechi.

Potrebbe interessarti anche: Riciclare il cibo: gli usi alternativi per evitare lo spreco alimentare (VIDEO)

Dicitura: Da consumarsi preferibilmente entro

La dicitura “Da consumarsi preferibilmente entro”, viene utilizzata abitualmente per alimenti non particolarmente deperibili.

Prodotti che possono essere consumati in totale sicurezza, anche dopo la data di scadenza che figura in etichetta, ma che potrebbero non essere nelle condizioni ottimali. Sempre presupponendo che la confezione resti intatta e il prodotto venga conservato secondo le istruzioni.

Sperando di essere stati utili, auspichiamo in un futuro migliore e senza inutili sprechi alimentari.

Raffaella Lauretta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *