Arriva la zanzara coreana: resiste al freddo. La regione interessata

In Italia arriva la zanzara coreana: resiste a temperature anche molto basse. Qualcuno l’avrà già avvistata, perché si trova in una regione specifica.

Zanzara Coreana Italia
Una ragazza osserva una zanzara (Getty Images)

Il mondo, lì fuori, sta cambiando. Al di là delle proteste generali che il paese sta vivendo, e che forse continuerà a vivere nel prossimo futuro, qualcosa sta cambiando anche nella sua essenza. Cosa ci ha insegnato la pandemia da Covid-19? Che un virus può girare, attraversando tutti e cinque i continenti, in pochi mesi. Non c’è da trovare per forza di cose una colpa, ma capire come avvengono certi fenomeni.

Molti esperti hanno provato ad analizzare la questione sotto il punto di vista globale. Un mondo globalizzato può portare dei grossi vantaggi, ma anche dei grossi svantaggi, soprattutto a livello di salute. Meglio analizzare la questione con i dovuti strumenti. Il virus è “solo” un esempio. Ma ve ne sono mille, e altri, ancora, che possono essere presi in considerazione. Uno degli ultimi, ad esempio, è quello che analizza l’arrivo della zanzara coreana.

L’animale, conosciuto anche come aedes koreicus, è partito da un’isola vulcanica ed è in grado di resistere anche a temperature molto basse. Alcuni di voi si sono accorti della presenza di strane zanzare anche in questo periodo dell’anno? Ora sappiamo che non è una casualità o un “ritardo sulla tabella di marcia”.

LEGGI ANCHE >>> Rimedi naturali contro le punture di zanzara: i perfetti alleati per alleviare il prurito

La zanzara coreana è giunta in Lombardia: primi casi visti a Bergamo e Brescia

Zanzara Coreana Italia
Due zanzare in azione (Getty Images)

Già nel 2020, nel territorio adiacente e centrale a Brescia e Bergamo, erano state trovate delle uova depositate dalle zanzare. Non quelli comuni, come quella Tigre, anch’essa importata dalle zone dell’Asia e ora diffusa in tutta Europa. Erano uova che rappresentavano il modello di zanzara poc’anzi citato: l’aedes koreicus.

Ma il motivo di tale diffusione a cosa deve essere condotto? Ahinoi, il perché si trova quasi sempre nelle seguenti parole: le mosse azzardate dell’essere umano. L’introduzione, involontaria (anche se questo termine porta con sé un grado d’ignoranza non più tollerato), da parte dell’essere umano di piante e specie animali non adatte al nostro clima.

LEGGI ANCHE >>> Italia invasa dalle zanzare giapponesi: il motivo per cui sono pericolose per la salute

Un problema grosso. Sebbene la zanzara non porta con sé alcun rischio d’infezione, la problematica è seria sia dal punto di vista sociale, che dal punto di vista politico. Perché permettere ad altre persone di importare animali e specie di piante non adatte al nostro clima. E una volta importate che danno possono procurare? La risposta sembra tardare ad arrivare ogni volta che si solleva questo punto di domanda. Alcune restrizioni, culturali, sembra proprio che le andiamo a cercare con il lanternino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *