Pasta e lenticchie, proprio come la farebbe Alessandro Borghese

Pasta e lenticchie, come la farebbe Alessandro Borghese: quando a consigliare è un maestro, noi non possiamo che imparare

 pasta lenticchie alessandro borghese
zuppa di lenticchie (pixabay)

La pasta e lenticchie è un piatto della tradizione che conoscevano anche i nostri nonni. Quando però uno chef con i fiocchi, come il nostro Alessandro Borghese, da’ la sua personale versione d’un piatto che a pieno diritto è nella tradizione italiana, noi non possiamo che imparare. Seguiamo quindi la sua ricetta: sicuramente non sbaglieremo.

Ti potrebbe interessare anche-> Pan Brioche la ricetta sfiziosa per ogni occasione

Pasta e lenticchie alla “Borghese”, la ricetta:

 pasta lenticchie alessandro borghese
lenticchie (pixabay)

Lo chef consiglia:

  • 400 g di penne
  • 1 finocchio
  • 100 g  di lenticchie in ammollo da 24h
  • brodo vegetale (1 carota, 1 costa di sedano, 1 cipolla)
  • Parmigiano q.b.
  • 8 cucchiai di fiocchi di avena
  • Olio evo q.b.
  • Sale q.b.

Ti potrebbe interessare anche-> Carciofi ripieni, la ricetta della nonna cara alla tradizione napoletana

A questo punto, ancor prima di iniziare, avremo già portato a bollore il brodo vegetale. Allora scoleremo le lenticchie dall’acqua in cui sono in ammollo da più o meno ventiquattro ore e le tufferemo nel brodo stesso. A questo punto dobbiamo aggiungere il finocchio, debitamente tagliato e lavato. Occhio a non buttare le cime, ci potranno servire dopo per la decorazione.

Mettiamo sul fuoco l’acqua della pasta e aggiustiamola di sale.  Quando avrà raggiunto la temperatura di ebollizione, buttiamo la pasta. Qui sono citate le penne ma in realtà questa è una scelta vostra. Togliamo qualche mestolo di brodo in eccesso, e frulliamo lenticchie e finocchi con un mixer ad immersione. Possiamo poi procedere all’aggiunta dei fiocchi di avena.

Scola la pasta al momento giusto e poi aggiungila nel composto frullato di lenticchie e finocchi. Impiattala ancora bollente e passa su un filo di olio extravergine di oliva, abbondante grattugiata di parmigiano e le cime dei carciofi per un piatto sorprendente.

E anche questa volta, Il Borghese ha colpito nel segno.

Serena Garofalo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *