Carciofi ripieni: la ricetta della nonna cara alla tradizione napoletana

Ricetta dei carciofi ripieni: come li farebbe una vera nonna napoletana. Si sa, infondo, la tradizione ha sempre da insegnarci.

carciofi ripieni
carciofi (pixabay)

Le ricette della tradizione sono, innegabilmente, quelle più buone: e per quanto la cucina possa viaggiar lontano a furia di rivisitazioni e fusioni, si avrà sempre voglia di tornare, ad un punto, a riscoprire i sapori autentici e originali. Oggi vi proponiamo la ricetta dei carciofi ripieni, secondo la reale ricetta napoletana: come li farebbe una nonna doc! Nulla da aspettare in più: iniziamo.

Ti potrebbe interessare anche-> Mele in teglia: per un dessert a prova di principiante, la ricetta super facile

La ricetta della tradizione napoletana: i carciofi ripieni

carciofi ripieni
Napoli, la città della ricetta (pixabay)

Gli ingredienti che fanno al caso nostro sono:

  • carciofi
  • uovo
  • 60 g. di salame
  • 100 g. di scamorza affumicata
  • formaggio grattugiato
  • uovo sodo
  • prezzemolo e aglio
  • olio e pangrattato

Ti potrebbe interessare anche-> Pan Brioche la ricetta sfiziosa per ogni occasione

Per prima cosa bisogna pulire i carciofi. Armiamoci di pazienza e andiamo: togliamo tutte le foglie a partire da quelle più dure, fino ad arrivare al cuore tenero del carciofo. Togliamo anche i peletti, aiutandoci con l’ausilio di un cucchiaino. Se servisse, compiamo l’operazione sotto l’acqua corrente.

Attenzione: dovrete assicurarvi che siano puliti molto bene. Prendiamo una ciotola e aggiungiamo al suo interno: il salame, per i più golosi anche la salsiccia, la scamorza, il formaggio, il prezzemolo e delle molliche di pane. Mescoliamo fino ad ottenere una sorta di composto semi-solido che useremo per riempire i carciofi che abbiamo giustappunto svuotati. Per compiere l’operazione con più precisione, usiamo ancora una volta un cucchiaio.

Disponeteli in fila in una pirofila e aggiungete il pangrattato, l’aglio, se vi piace, e un filo d’olio. Infornateli, in un forno preriscaldato a 180 gradi per circa trenta minuti.

Vedrete, sarà un successo: le nonne hanno sempre ragione.

Serena Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *