Salsa tahina: cos’è, come si prepara, utilizzi in cucina

Avete mai sentito parlare della salsa tahina? Si tratta di una preparazione a base di sesamo, nutriente e gustosa, tipica della cucina mediorientale.

salsa tahina
(Foto Adobe Stock)

Ricca di proprietà benefiche, oltre che di un gusto avvolgente e goloso, la salsa tahina è uno dei cavalli di battaglia delle preparazioni culinarie di origine mediorientale. Scopriamo insieme cosa sapere su questo alimento: dalle sue proprietà benefiche alla ricetta per farlo in casa.

Salsa tahina: proprietà nutrizionali e benefici

Anche nota come burro e crema di sesamo per via della sua consistenza densa, la salsa tahina è realizzata a partire dai semi di sesamo.

semi di sesamo
(Foto Pixabay)

Si tratta quindi di un alimento molto ricco e nutriente, dall’elevato apporto calorico.

La notevole presenza di grassi e carboidrati non deve spaventarci. Infatti, questa salsa contiene anche numerosi nutrienti benefici per il nostro organismo:

  • Elevata quantità di proteine, che rende la salsa tahina ideale per chi ha scelto un’alimentazione vegana o vegetariana;
  • Assenza di glutine, per cui questo alimento è perfetto per persone intolleranti al glutine e celiaci;
  • Abbondante presenza di sali minerali, come potassio e fosforo.

Negli innumerevoli benefici che il burro di sesamo apporta sul nostro organismo, c’è la protezione di intestino, ossa e cuore.

Non solo: la salsa tahina ha proprietà antitumorali, antiossidanti e rafforzanti del sistema immunitario.

Potrebbe interessarti anche:

Come preparare la salsa tahina

Oltre a trovarla sugli scaffali dei negozi, già pronta, in poco tempo e con un ridotto numero di ingredienti è possibile preparare in casa la salsa tahina.

Sesamo ritirato
(Foto Pixabay)

L’occorrente è:

  • 200 grammi di semi di sesamo;
  • 40 grammi di olio di semi (preferibilmente di sesamo, ma si può usare anche un’altra tipologia);
  • sale q. b.

Per prima cosa, dovremo far tostare per 3-4 minuti i semi di sesamo in padella o al forno.

Dopodiché, basterà aggiungere l’olio e frullarli fino a quando non avremo ottenuto una consistenza cremosa. Il tocco finale? Insaporire il tutto, salando a piacere.

Il burro di sesamo può essere conservato in frigorifero all’interno di un contenitore ermetico per 3-4 giorni.

Potrebbe interessarti anche: Semi di sesamo: calorie, benefici e controindicazioni

Usi in cucina: le idee più sfiziose

Ora che abbiamo scoperto le incredibili proprietà di questo alimento e verificato che è semplicissimo da preparare in casa, vediamo come usare la salsa tahina per arricchire numerosi piatti.

semi sesamo
(Foto Pixabay)

In primis, un uso davvero classico ma dal sapore irresistibile consiste nello spalmare questa crema sul pane abbrustolito, per un aperitivo nutriente e goloso.

Non solo: il burro di sesamo può arricchire e insaporire le nostre insalate, o accompagnare un pinzimonio di verdure.

Un’idea davvero sfiziosa? Usarla come crema spalmabile all’interno di piadine o focacce.

L. B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *