Carenza di fibre: il nostro corpo ci invia dei segnali

Il nostro corpo ha bisogno di fibre, ma non sempre queste vengono assunte in quantità adeguata. Quando ciò avviene si manifestano alcuni sintomi. Andiamo a vedere quali.

Carenza di fibre segnali
Fibre (Instagram)

Molto spesso si sente dire che “tutto parte dall’alimentazione” oppure che “noi siamo ciò che mangiamo”. Niente di più vero. Basti pensare che un’alimentazione con un’insufficiente quantità di fibre crea inevitabilmente numerosi problemi al nostro organismo.

Ma cosa sono esattamente le fibre alimentari e perché sono così importanti?

Le fibre alimentari sono composti presenti nei cibi che non vengono né digeriti né assorbiti dall’intestino, bensì a a livello del colon. Questa loro peculiarità permette di preservare la regolarità del nostro intestino aiutandoci a digerire nella maniera corretta.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Cibi ricchi di fibre: vantaggi ed effetti collaterali

Sintomi da carenza di fibre

Carenza di fibre segnali
Fibre alimentari (Pixabay)

Le fibre si trovano soprattutto nella frutta, nella verdura, nei legumi e negli alimenti integrali.
Se però non assumiamo questi alimenti nella giusta quantità il nostro corpo ci viene in aiuto mandandoci dei “segnali” che si concretizzano in sintomi veri e propri. Grazie a questi possiamo dunque renderci conto che è necessario cambiare o modificare la nostra alimentazione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Alimenti ricchi di fibre, quali sono e perché consumarli!

Qua di seguito i principali:

  1. Stitichezza: questo è di sicuro il sintomo più comune collegato a una carenza di fibre e sorge perché viene meno la motilità intestinale.
  2. Gonfiore addominale: l’intestino irritato fa fatica a liberarsi dalle feci e di conseguenza si crea un fastidioso senso di gonfiore, a volte accompagnato da crampi.
  3. Problemi digestivi: assumere la giusta quantità di fibre favorisce la digestione. Al contrario, una carenza determina problemi a livello dello stomaco.
  4. Sonnolenza dopo i pasti: sintomo molto comune dovuto alle difficoltà digestive e all’intestino sovraccarico.
  5. Senso di fame: le fibre tendono a saziare; se risultano carenti aumenta il senso di appetito, anche subito dopo aver mangiato.
  6. Emorroidi e ragadi: la loro comparsa è determinata da una difficile evacuazione delle feci.
  7. Colesterolo alto: numerosi studi hanno provato che l’assunzione di fibre aiuta a controllare il colesterolo cattivo. Non assumerne a sufficienza può dunque portare a un aumento del colesterolo.
  8. Glicemia alta: compensando l’eccesso di zuccheri le fibre riducono in qualche modo la glicemia. Al contrario, una carente assunzione di fibre può comportare un aumento della glicemia.
  9. Tendenza ai diverticoli: la carenza di fibre può determinare anche alcune patologie a livello dell’intestino chiamate diverticoli. Si tratta di piccole estroflessioni nella parete del colon che si gonfiano verso l’esterno a causa delle forti pressioni esercitate per espellere le feci.
  10. Tendenza al sovrappeso: le fibre, saziandoci a dovere, ci aiutano a controllare il peso forma. Una loro carenza, in aggiunta a un’alimentazione scorretta e alla sedentarietà, può comportare problemi di sovrappeso.

 

Serena Ponso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *