Palline sugli steli dei ciclamini? Cosa sono e perché non vanno rimosse

Se avete notato delle piccole palline sugli steli dei vostri bellissimi ciclamini non rimuovetele, ecco cosa sono e come possono essere utilizzati

Palline sugli steli del ciclamino
Ciclamino (Download da Adobe Stock)

Non tutte le piante riescono a resistere al freddo, ce ne sono però alcune che fioriscono proprio nei mesi autunnali e invernali, tra queste il ciclamino.

Si tratta di una meravigliosa pianta, i suoi petali solitamente sono colorati o bianchi, è perfetta da tenere in casa per decorare l’ambiente e renderlo più accogliente. Se avete questa pianta vi sarà sicuramente capitato di vedere sugli steli dove sbocciano i fiori delle palline.

Queste palline sono delle piccole capsule che contengono al loro interno i nuovi semini che stanno maturando e vengono prodotte dalla pianta subito dopo la fioritura. Le palline che nascono sugli steli non devono essere tolte, potrete poi usarle per riprodurre la pianta di ciclamino.

Palline sugli steli del ciclamino, come usarle per riprodurre la pianta

Palline sugli steli del ciclamino
Palline sugli steli del ciclamino (Screenshot da Facebook)

Le palline sugli steli del ciclamino si raccolgono ad agosto perché è durate i mesi estivi che maturano completamente. Dopo che li avrete raccolti lasciateli dentro un bicchiere pieno di acqua tiepida per almeno 24 ore, ciò servirà a far germogliare più velocemente e con più facilità il seme.

Potrebbe interessarti anche: Ciclamino, i 4 falsi miti da NON seguire per averlo rigoglioso

Trascorso questo tempo seminateli dentro un piccolo vaso e ricopriteli con un composto di torba e sabbia, il terreno dovrà essere sempre umido. Il vaso deve essere posizionato dove la temperatura è abbastanza alta, i semi inizieranno a germinare dopo circa un mese o due. Non appena vedete le prime foglie dovete rinvasare, ogni germoglio deve essere messo in un singolo vaso.

Le vostre nuove piantine di ciclamino devono essere tenute lontane dal freddo e dalla luce diretta del sole, resiste perfettamente ad una temperatura che va dai 10 ai 15 gradi. Da settembre a marzo innaffiate le piantine regolarmente, durante il loro riposo vegetativo non hanno invece bisogno di essere innaffiate.

Potrebbe interessarti anche: Ciclamino, i 3 posti migliori della casa dove farlo crescere forte e sano

Diversi sono i pareri in merito a quando seminare il ciclamino. C’è chi sostiene che i semi si possono seminare ad agosto o settembre, subito dopo essere stati raccolti. Secondo altri vivaisti devono essere conservati fino a primavera e seminati quando le temperature saranno più calde, intorno ai 18 gradi.

Per permettere alla pianta di ciclamino di germogliare dovete però ricordare che è fondamentale che stia ad una temperatura tra i 15 e i 21 gradi. Se vi prenderete perfettamente cura di questa pianta, nei mesi autunnali e invernali vedrete delle bellissime fioriture.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *