Stop ai tatuaggi colorati a partire da Gennaio, il divieto della Ue

Stop ai tatuaggi colorati a partire da Gennaio, il nuovo divieto varato dalla ue colpisce i tatuatori in maniera grave; non mancano le perplessità

tatuaggi-colori-stop
tatuaggi (da pixabay)

Pessime notizie arrivano in questi giorni per gli amanti dei tatuaggi; ancora peggiori sono le suddette notizie per i tatuatori che vedono profilarsi all’orizzonte una minaccia non da poco per il loro lavoro ( e il loro mercato); molte perplessità sono anche per chi, invece, i tatuaggi li ha addosso, tutti colorati.

Ti potrebbe interessare anche->Il vino fa battere il cuore più veloce, gli studi sono tutti concordi

Stop ai tatuaggi colorati: sarebbero pericolosi per la salute del tatuato

tatuaggi-colori-stop
tatuaggi (da pixabay)

La Ue infatti dal prossimo Gennaio ha vietato di continuare la pratica dei tatuaggi a colori. Questi sarebbero infatti pericolosi per la salute. L’incriminato è l’isopropanolo che, in aggiunta ai colori, dovrebbe sterilizzarli. Tale sostanza è però risultata essere assai nociva per chi la usa: oltre ai danni locali all’epidermide, questa potrebbe anche essere anche potenzialmente cancerosa.

Per ora la limitazione riguarda solo alcuni colori: rosso, arancione e giallo. Non si spiega, però, e non se lo spiega neanche  Eugenio Arneodo nella sua intervista al corriere della sera, perché gli altri colori dovrebbero fare eccezione.

Ti potrebbe interessare anche->Il trucco per avere le sopracciglia perfette in pochi passaggi

Arneodo, presidente dell’associazione tatuatori.it, si chiede- e a giusto lo chiediamo un po’ tutti- perché, se c’è un rischio reale, la proroga degli altri colori- di cui comunque è previsto il bando entro il 2023. E tuttavia, bisognava aspettarselo: già da tempo c’erano state avvisaglie; non colte però dai fornitori di colori e inchiostri che hanno lasciato passare tempo senza adeguarsi alle nuove norme.

Per cercare di limitare i danni, per quanto possibile, il Council of European Tattoo Associations chiede quanto meno una proroga ulteriore per cercare, questa volta sì, di adeguarsi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.