Sale grosso e sale fino: ecco qual è la differenza tra i due

Qual è la differenza tra il sale grosso e il sale fino? Sembra scontata, ma vediamola insieme per cercare di capirne meglio le caratteristiche.

sale
Sale (da Pixabay)

La differenza tra il sale grosso e il sale fino è evidente a tutti e sta nella dimensione dei suoi cristalli. Ma diverse dimensioni portano anche a diverse proprietà e, infatti, avrete notato che uno è più indicato per alcune cose, mentre l’altro per altre.

Se lasciamo da parte per un attimo questa differenza, bisogna precisare che il sale per noi ha una grande importanza in cucina. Non solo ci permette di insaporire il cibo, ma anche di conservarlo. Inoltre, ci sono metodi di cottura che prevedono l’uso del sale in gran quantità.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Sale grosso, come usarlo in casa: dalle pulizie allo sbiancamento dei denti

Messo in chiaro questo aspetto di questo minerale, veniamo ora al nocciolo della questione: qual è la differenza tra il sale grosso e il sale fino? Vediamo qui di seguito tutti i dettagli su composizione e utilizzo.

Sale grosso e sale fino: la differenza

Sale e aglio
Sale marino (Pixabay)

Abbiamo detto che la differenza delle dimensioni dei cristalli fa la differenza anche nelle sue proprietà. Infatti, il sale fino è più versatile in quanto si scioglie velocemente ed è adatto ad insaporire molte pietanze. Messo sulla carne prima o dopo la cottura, messo nell’insalata o sul pesce sparirà in un attimo e avremo ottenuto il risultato di un piatto più saporito.

Questo non è possibile farlo con il sale grosso, più grande che si scoglie con molto più tempo. Per questo motivo è adatto alla cottura ad alte temperature come l’acqua appena prima di buttare la pasta. Oppure è perfetto per la cottura a crosta di sale. Il sale grosso crea un involucro attorno al cibo e mantiene la giusta temperatura e tutte le sostanze nutritive. Per questo la carne avvolta dal sale grosso è morbida e saporita.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Se hai messo troppo sale nell’acqua niente paura: ci sono dei trucchi

Allo stesso modo per la conservazione dei cibi si deve usare solo il sale grosso perchè questa sua lentezza permette di entrare nel cuore degli alimenti e disidratarli in modo costante ed omogeneo. Infine, ad essere precisi, la differenza sostanziale tra i due è il costo di lavorazione. Il sale grosso richiede meno lavoro e quindi costa di meno di quello fino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *