Herpes Zoster: cosa è e come riconoscerne i sintomi

L’herpes Zoster è un tipo di erezione cutanea abbastanza fastidiosa. Ci sono modi per riconoscerne i sintomi alcuni giorni prima che fuoriesca, vediamo come.

Herpes Zoster
Herpes Zoster (AdobeStock)

L’herpes Zoster è un virus che giace dormiente all’interno del corpo a seguito dell’infezione della varicella, una malattia che di solito si manifesta durante l’infanzia. Con l’età che avanza, rende più suscettibile la fuoriuscita dell’herpes Zoster. Questa malattia è un virus che provoca una dolorosa eruzione cutanea, conosciuta anche come Fuoco di Sant’Antonio. Più comunemente, fuoriesce una placca infiammata ricoperta di vescicole.

Come accennato, l’herpes Zoster è causato del virus della varicella inattivo. Generalmente, infatti, il corpo riesce a produrre abbastanza anticorpi da contrastare il virus, tuttavia la malattia resta inattiva nel tessuto nervoso per anni o per tutta la vita. La riattivazione del virus, può essere causata da un improvviso abbassamento delle difese immunitarie, abbinato a periodi di forte stress psicologico. Ci sono particolari sintomi che fuoriescono alcuni giorni prima che aiutano a capire che il virus sta nascendo.

Ti potrebbe interessare anche >>> Brividi di freddo: cosa sono esattamente e perchè arrivano

Sintomi e cura dell’herpes Zoster

Herpes Zoster
Rash cutaneo (AdobeStock)

I sintomi premonitori del fuoco di Sant’Antonio sono: febbre, mal di testa, brividi, spossatezza e mal di stomaco. Quando compare l’eruzione cutanea, essa si manifesta in un lato del viso o in qualunque altra parte del corpo ed è molto dolorosa, ricoperta da vesciche. Essendo molto contagiosa, non bisogna entrare in contatto con nessuno e come per la varicella, sono più a rischio le persone che non l’hanno fatta e che quindi non hanno gli anticorpi.

Ti potrebbe interessare anche >>> Perché e a cosa sono dovuti i brufoli nel cuoio capelluto?

Per diagnosticare l’herpes Zoster è necessario solamente un’ispezione visiva da parte del medico durante una visita specialistica. Come per il virus della varicella, anche questo guarisce spontaneamente nel giro di 14 giorni. Essendo il disturbo molto fastidioso però, si possono applicare dei trattamenti locali sull’eruzione cutanea per ridurne il dolore: antivirali (i quali bloccano la riproduzione del virus), antidolorifici o antinfiammatori, gel a base di cloruro di alluminio (riduce il tempo di guarigione delle vesciche e riduce il prurito e il dolore).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.