Brividi di freddo: cosa sono esattamente e perchè arrivano

I brividi di freddo possono arrivare anche quando non ci sono basse temperature. Vediamo che cosa sono esattamente e perchè arrivano.

Brividi
Brividi di freddo (da Adobe Stock)

È naturale pensare che i brividi arrivano quando si ha freddo e ci si trova all’aperto in inverno o in un ambiente con bassa temperatura. Questo è del tutto esatto, è il comportamento dei nostri muscoli che sentendo una bassa temperatura si contraggono in modo da produrre più calore. Tuttavia, questo fenomeno non accade solamente con il freddo.

Infatti, i brividi possono essere anche una reazione alla paura o ad un attacco di ansia o di panico. Inoltre, si possono provare anche quando si ha un’infezione in corso. Sicuramente vi sarà capitato di provare questa sensazione con la febbre alta.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Avere sempre freddo anche con temperature miti: cosa potrebbe essere

Vediamo di analizzare meglio questo stato vedendo nel dettaglio che cosa sono i brividi, quando possono manifestarsi e quando preoccuparsi e andare subito dal medico curante perchè sintomo di qualche cosa che non va.

Brividi di freddo: le cause e quando andare dal medico

freddo
Avere freddo (da Pixabay)

Abbiamo già detto che i brividi di freddo sono la reazione dei muscoli alle basse temperature. Sapete molto bene che il nostro organismo è formato per combattere gli agenti esterni e andare avanti nel migliore dei modi. I muscoli, quindi, quando sentono freddo, si attivano per alzare la temperatura interna. Tuttavia, un brivido può manifestarsi anche a seguito di un trauma psicologico come paura, una forte emozione, un attacco di panico. Inoltre, ci possono essere delle infezioni in corso.

Un buon modo per capire che cosa sta succedendo è misurare la febbre. Le cose cambiano, infatti, se avete la febbre oppure no. Più nel dettaglio:

  • Se i brividi NON sono accompagnati da febbre: può essere il freddo ed è facilmente comprensibile, oppure una reazione psicologica ad una forte emozione che può essere sia negativa che positiva. Il cervello attiva il sistema nervoso in modo tale da scatenare il brivido. C’è anche un altro caso in cui si possono manifestare ed è nelle donne durante la menopausa a causa degli squilibri ormonali.
  • Se i brividi sono accompagnati da febbre: in tutti i casi, con la comparsa della febbre, si tratta di un’infezione. Tuttavia, le infezioni non sono tutte uguali. Potrebbe trattarsi di sinusite, raffreddore, influenza. Ma anche qualcosa di più grave come cistite, calcoli renali, varicella, meningite. A volte potrebbe trattarsi di infezioni addominali come peritonite o appendicite.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Ipertensione: perché il freddo aumenta la pressione sanguigna

È naturale che nel primo caso non c’è molto da fare se non riscaldarsi oppure affrontare l’emozione che si sta provando. Ma nel secondo caso bisogna assolutamente rivolgersi al medico curante. Lui saprà indicare la giusta via per accertamenti, per il possibile disturbo in atto e il trattamento adeguato per la cura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *