I benefici dell’acqua solarizzata: come ottenerla e a cosa serve

Bere acqua solarizzata non è solo una moda degli ultimi anni ma secondo alcuni sarebbe un vero carico di energia positiva per il nostro organismo

Acqua solarizzata
Bottiglie di vetro colorate (Pixabay)

Il principio dell’acqua solarizzata si basa su quello della cromoterapia, ovvero una branca della medicina alternativa che pone al centro lo studio dei colori per vedere quale effetto provocano sull’organismo. È inoltre usata anche per garantire il benessere degli individui assorbendo i colori con i raggi solari attraverso vestiti o alimenti e anche con massaggi con oli essenziali.

Uno degli aspetti più diffusi di questo settore delle medicine considerate alternative è l’acqua solarizzata. Funziona con l’esposizione per alcune ore di una bottiglia colorata piena d’acqua al sole. Quest’acqua quindi assorbe l’energia di un determinato colore attraverso i raggi solari e può essere usata per bagnare il corpo o assunta semplicemente bevendola.

I fautori di questa teoria sostengono che ogni colore corrisponde ai sette colori dello spettro e agisce in maniera differente. Il colore scelto andrà quindi ad attivare un campo di forza specifico nel nostro corpo, detti anche chakra (centri energetici), nella definizione specifica del termine sanscrito, spesso usato nella pratica dello yoga.

Il fine è il miglioramento del nostro benessere e alcuni sostengono anche che tale terapia possa portare benefici anche ad alcuni organi malati del nostro corpo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Dieta chetogena: sfatiamo i falsi miti sul regime alimentare

Acqua solarizzata, a cosa corrisponde ogni colore

Acqua solarizzata
Bere acqua (Pixabay)

Secondo molti esperti del settore ogni colore ha il suo potere in base a ciò che corrisponde. Molti studiosi invece sono scettici sull’argomento visto che non ha nessun fondamento scientifico. Uno dei colori utilizzati nella pratica dell’acqua solarizzata è il blu.

Questa tinta della bottiglia di vetro è usata, ad esempio, per quanto riguarda l’Ho’oponopono. Tale termine dalla difficile pronuncia sta a indicare una pratica hawaiana di meditazione per cancellare conflitti interiori e perdonare se stessi al fine di riconciliarsi con il proprio io e affrontare meglio la vita.

Per preparare una bottiglia di vetro con acqua solarizzata basta scegliere il colore, riempirla anche con l’acqua del rubinetto, meglio se depurata, ed esporla ai raggi solari per due o tre ore.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> I metodi migliori per curare le primule e averle fiorite a lungo

È importante lasciarla senza tappo o coprirla con uno di sughero o plastica. Non va usato il metallo visto che impedisce al sole di penetrare al suo interno. Trascorso il tempo necessario alla solarizzazione basterà berla o usarla magari in estate per rinfrescare il proprio corpo.

I colori dell’acqua solarizzata:

  • Rosa: Utile per ristabilire armonia nelle relazioni affettive.
  • Blu: Aiuta mente e corpo a stare in equilibrio e in pace tra di loro. È inoltre importante anche contro lo stress.
  • Verde: Importantissimo per ridare energia a corpo e mente, contribuendo a uno stato di calma.
  • Arancione: Questo colore è fondamentale per riprendersi dopo un processo autodistruttivo. Contribuisce a far tornare la stima in noi stessi.
  • Giallo: Questa tinta favorisce la creatività ed elimina i pensieri fissi negativi: è il colore del dinamismo e della vitalità.
  • Rosso: Allevia gli stati depressivi: è la tonalità della passione per antonomasia.
  • Viola: È la tinta della religione e del misticismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.