Assegno unico, via ai pagamenti di marzo 2022: quando arrivano

L’INPS fa partire l’erogazione dei bonifici in favore di chi ha presentato domanda per l’Assegno unico 2022. Chi è compatibile può controllare così.

Calcolatrice e soldi
Calcolatrice e soldi (Pixabay)

Assegno unico, a marzo 2022 partono i primi pagamenti dell’anno. Come noto, si tratta del provvedimento che ha lo scopo di dare un supporto economico a quelle famiglie che hanno dei figli a carico. E sebbene non ci siano limiti di accesso legati al proprio reddito personale, l’ISEE sarà comunque vincolante affinché si possa ricevere una cifra corposa o meno.

Più una famiglia ha figli dichiarati a proprio carico e più l’Assegno unico fornirà ausilio finanziario. Inoltre lo stesso sarà più o meno elevato in base a quanto si percepisce in un anno dal proprio lavoro.

Sono coperti dall’Assegno unico i figli che vanno dal settimo mese di gravidanza fino ai 18 anni, ed in alcuni casi fino ai 21 anni di età. Poi ci sono anche altre eccezioni, con il parametro dell’età che diventa senza limiti nelle situazioni in cui i figli siano affetti da disabilità.

Potrebbe interessarti anche: Il provvedimento spetta anche a nonni con nipoti a carico?

Assegno unico, come fare per controllare l’importo che ci spetta

Banconote appese
Banconote appese (Pixabay)

Ora partono i primi pagamenti per quanto riguarda coloro che non percepiscono il Reddito di Cittadinanza. Poi toccherà anche a quest’ultimi. I versamenti dovrebbero essere inoltrati a partire dalla terza settimana del mese.

Andando nella propria area utenti sul sito web dell’INPS, all’interno della voce inclusa nella dicitura “Fascicolo previdenziale del cittadino”, chiunque abbia fatto domanda potrà controllare l’eventuale stato del pagamento che sta per ricevere.

Potrebbe interessarti anche: Sta scadendo il tempo per presentare la domanda di ottenimento: come fare per non perdere l’assegno

Bisogna compiere l’accesso con il proprio SPID, con Carta di Identità Elettronica o con Carta Nazionale del Servizi. Ed andare su “prestazioni” e poi “pagamenti”. Qualche giorno prima di ricevere il bonus sul proprio conto corrente indicato all’INPS, comparirà la cifra relativa.

Potrebbe interessarti anche: L’INPS comunica: “Tanti errori nelle domande”

Questo infine è un riassunto riepilogativo dell’Assegno unico in base alla propria situazione finanziaria legata all’ISEE dichiarato. Con anche un riferimento a quella che in media è la situazione più diffusa tra le famiglie che hanno avanzato richiesta per avere tale copertura economica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *