Gambe: i sintomi a cui prestare attenzione e cosa potrebbero indicare

Alle gambe solitamente non ci badiamo tanto ma in realtà molti sintomi scaturiscono da loro. Vediamo quali sono quelli più rilevanti e cosa indicano.

perché gambe gonfie
Gambe (Unsplash)

Le nostre gambe sono incredibilmente potenti in modi a cui la maggior parte di noi non pensa. Certo, le usiamo per stare in piedi, camminare, correre e saltare, tuttavia le esse possono anche avvisarci di problemi di salute più grandi di cui potremmo non essere consapevoli. Un esempio, sono le malattie cardiovascolari.

I sintomi principali a cui prestare attenzione sono dolore e gonfiore. Molte malattie, come ad esempio infezioni, infiammazioni, lesioni, tumori, neuropatie e malattie vascolari, si riflettono sulle gambe. Molte di queste patologie sono accompagnate da forti dolori e gonfiori. A volte capita che un paio di calzini stretti ci lasci una leggera impronta sulle gambe una volta tolti. Tuttavia, se la dimensione della gamba sopra l’impronta del calzino è significativamente più grande della dimensione della gamba appena sotto l’impronta del calzino, allora si può avere un edema, o gonfiore delle gambe. Sia il cuore che i reni sono responsabili della gestione dei livelli di fluido nel nostro corpo, e quando uno o entrambi sono deboli, il fluido può accumularsi nelle tue gambe.

Ti potrebbe interessare anche >>> Gambe pesanti, rimedi naturali che possono ovviare al problema

Le patologie e i sintomi che si riflettono sulle gambe

Gli esperti rivelano che ci sono alcuni segni e sintomi a cui dovremmo prestare attenzione che riguardano proprio le nostre gambe e cosa potrebbero indicare.

dolore alle gambe
Dolore alle gambe (AdobeStock)

Trombosi venosa profonda (TVP)

Chiamata anche formazione di coaguli nelle vene profonde del corpo e colpisce comunemente gli arti inferiori. Si tratta di un disturbo comune, spesso riscontrato in persone costrette sulla sedia a rotelle o con problemi di coagulazione del sangue. Segni e sintomi sono solitamente concentrati su una gamba e possono includere il gonfiore del piede, della caviglia o dell’intera gamba. Inoltre, i crampi o il dolore possono anche verificarsi più tipicamente nel polpaccio. La pelle della zona colpita può essere calda al tatto e spesso può apparire come una pelle rossastra sulla zona interessata. È essenzialmente il risultato di un coagulo di sangue che si sviluppa in una vena profonda. La parte inferiore delle gambe o le cosce sono i luoghi più comuni.

I sintomi comuni sono il dolore, la sensazione di calore, la pelle sbiadita e il gonfiore nella gamba interessata. La TVP è da tenere sotto controllo ed è preoccupante in quanto i coaguli potrebbero staccarsi dai vasi sanguigni nelle gambe e viaggiare fino ai polmoni (embolia polmonare). I fattori di rischio della trombosi venosa profonda sono simili a quelli delle altre malattie cardiache (ad esempio, età, obesità, fumo, comportamenti sedentari, storia familiare.

Dolore pelvico

Cause non comuni possono includere gonfiore o dolore al bacino. Esso può essere dovuto alla sindrome da congestione pelvica, problemi muscoloscheletrici, grandi cisti nella zona pelvica, sindrome dell’intestino irritabile, tumori e cisti alla vescica o all’utero, e problemi ginecologici. Una patologia di cui si parla poco e che causa un forte dolore cronico alla zona pelvica è la vulvodinia.

A volte, l’ostruzione del flusso sanguigno in quella zona può provocare gonfiore e dolore alle gambe a causa dell’accumulo di liquidi nei tessuti. Anche le gambe dovrebbero essere esaminate e ispezionate in questi casi in cui il dolore pelvico o il gonfiore possono mostrare segni unici nelle gambe (a causa dell’ostruzione del flusso sanguigno).

Ti potrebbe interessare anche >>> Ictus: attenzione ad un alimento che si usa quotidianamente

Claudicatio intermittens

Claudicatio intermittens, altro non è che il classico crampo muscolare ed è un’altra cosa a cui prestare attenzione. In termini scientifici è il dolore alla coscia, al polpaccio o alle natiche che si verifica quando si cammina. Il dolore può far zoppicare. Può essere un sintomo di malattia dell’arteria periferica (PAD), che avviene quando le arterie ristrette o bloccate riducono il flusso di sangue alle gambe. All’inizio, il dolore da claudicazione si presenta quando si cammina per una certa distanza e va via quando ci si riposa.

Ma quando la malattia peggiora, il dolore può presentarsi anche quando si cammina per distanze più brevi. Con il tempo, si potrebbe non essere più in grado di camminare perché il dolore diventa decisamente più forte. La claudicazione è collegata a condizioni di salute che aumentano anche il rischio di infarto o ictus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.