Assicurazione auto e moto, rimborsi per i veicoli fermi nel lockdown 2020

Pur avendo pagato l’assicurazione auto e moto, molti mezzi rimasero fermi nella primavera di due anni fa. A guadagnarci furono solo le varie compagnie.

Modellino di auto su banconote da 500 euro
Modellino di auto su banconote da 500 euro (Pixabay)

Assicurazione auto, è in fase di dibattimento alla Camera una proposta per la quale i conducenti – anche di mezzi a due ruote – potrebbero essere risarciti per quanto avvenuto due anni fa. Il riferimento è a quando scattò il lockdown, nel marzo del 2020, che costrinse tutto il Paese a chiudersi in casa per due mesi.

Questo fece si che per quasi sessanta giorni milioni e milioni di persone non poterono utilizzare i propri veicoli. Il tutto nonostante magari proprio in quel periodo alcuni pagarono per l’assicurazione auto e moto, pur tenendo il proprio mezzo fermo.

Adesso potrebbe giungere una qualche forma di indennizzo, visto e considerato che quella situazione portò degli enormi introiti – più alti rispetto ad una situazione di normalità – nelle casse delle compagnie assicurative. Infatti le stesse videro azzerarsi le uscite per rimborsare gli incidenti, che, con i veicoli fermi, non ci furono. L’assicurazione auto e moto fruttò loro in media 3 miliardi di euro.

Potrebbe interessarti anche: Supermercati vuoti, un bene in particolare sta per sparire | FOTO

Assicurazione auto e moto, le ipotesi al vaglio

Modellino di auto su soldi
Modellino di auto su soldi (Pixabay)

Lo ha fatto sapere l’Ivass, l’Istituto di Vigilanza sulle compagnie Assicurative, anche se l’Ania – Associazione Nazionale Imprese assicurative – parla invece di 2,1 mld  di euro. Si tratta comunque di una cifra elevata che potrebbe ora essere impiegata per rimborsare i cittadini, come fatto sapere dal Ministero dell’Economia.

Potrebbe interessarti anche: Truffa carburante, alcuni ci sono cascati: “Per te un buono da 100 euro”

La cosa dovrebbe coinvolgere pure il Ministero dello Sviluppo Economico. L’ipotesi è di fare ritornare in una forma ancora non definita circa 60 euro in media ad ogni cittadino. Non tanto, specialmente in relazione al fatto che una assicurazione costa come minimo qualcosa come 200 o 250 euro a salire, fino ad arrivare anche alle quattro cifre.

Potrebbe interessarti anche: Rincari 2022, stop alla produzione di giornali e fazzoletti: crisi pazzesca

Se non saranno rimborsi diretti, questi indennizzi potrebbero essere corrisposti magari come azzeramenti delle franchigie o sotto forma di estensione delle polizze.

Il fatto è che già alcune assicurazioni hanno però provveduto a fare ritornare circa 811 milioni di euro, come fatto sapere dall’Ania. Non con rimborsi diretti ma in altri modi. Se ne dovrebbe sapere di più nelle prossime settimane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.