Insonnia e morbo di alzheimer: la correlazione è dimostrata dagli studi

Insonnia e morbo di alzheimer: la correlazione è dimostrata dagli studi. Ecco come possiamo fare per proteggerci e prevenire

Insonnia rischi
Ragazza che dorme in piedi(Pixabay)

Oggi torniamo a parlare di sonno, parte integrante nella nostra vita. Approfondiremo un aspetto particolare, ossia la relazione che esiste tra l’insonnia, ossia la mancanza di sonno o un sonno di cattiva qualità, e l’insorgenza in età anziana di un morbo tristemente noto, il morbo di alzheimer.

Ti potrebbe interessare anche->Pulizie settimanali, come organizzarle al meglio in poco tempo

Insonnia, morbo di alzheimer: la correlazione c’è

insonnia e demenza
Mani di anziana sovrapposte(Pixabay)

Gli studi sono ormai unanimamente concordi nel dire che tra insonnia e la probabilità di soffrire di alzheimer una volta divenuti anziani la correlazione c’è, ed è ormai chiara e conclamata. Non si può dir più nulla: è un bello schiaffo, se si considera che la maggior parte della popolazione ha sofferto, almeno una volta nella propria vita di insonnia. Il venticinque percento ne soffre invece in pianta stabile, tra questi numeri la maggior parte sono donne.

Ti potrebbe interessare anche->Diabetici: alcuni pasti potrebbero farli vivere più a lungo, lo studio

I dati, dopo la pandemia, hanno subito un forte aumento. Insomma, rischiamo di avere, nei prossimi anni, stando ai calcoli attuali, un incremento della malattia di alzheimer, che consiste nel decadimento progressivo delle capacità congnitive, tra cui la stessa ed importantissima memoria. Questo avviene perché il passaggio tra fase rem e fase non rem è fondamentale in molti modi. Il primo è perché rafforza le proprietà mentali, il secondo è perché elimina proprio quella tossina che, se accumulata alla lunga, decreta l’insorgenza del morbo di alzheimer e della demenza senile. Ormai, questa correlazione, non è più questionata da nessuno. Le cose sembrano stare così.

E quali sono tuttavia i consigli per evitare che questo accada? O, perlomeno, per diminuire le possibilità che questo accada? Per prima cosa, bisogna cercare di mantenere i nostri orari più costanti possibile. Evitiamo l’esposizione agli schermi e alle luci blu, dannose per la qualità del sonno, aiutiamoci con l’alimentazione e con lo sport.

Creiamo, per dormire, un ambiente confortevole, silenzioso e buio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *