Ortensia: cosa fare quando l’avete appena acquistata

Non avete resistito alla tentazione di acquistare una bella ortensia e di portarla a casa con voi? Ecco che cosa dovete fare per la sua salute.

ortensia da giardino
Ortensia (Pixabay)

Le ortensie sono piante di origine asiatica, sono ornamentali, decorative per la loro bellezza e per loro resistenza. Un’ortensia non ha bisogno di molte cure, ma in cambio può dare colori molto accesi, fiori e foglie carinissimi, può donare un’atmosfera vivace all’ambiente in cui si trova.

Sono così belle che quando si vedono nei negozi non si può resistere a prenderne una o più e portarla o portarle a casa. Anche se non hanno bisogno di tantissime cure, quando la pianta cambia ambiente ha delle necessità per poter adattarsi, per poter continuare a crescere e stare in salute. È opportuno, dunque, sapere che cosa fare.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Che piante abbinare alle ortensie per ottenere un giardino da favola

Non occorre impiegare troppo tempo e nemmeno troppa fatica. Sono solamente tre le azioni di avere premura di fare e potrete farle in poco tempo. Vediamo qui di seguito tutti i dettagli.

Ortensia: cosa fare quando l’avete appena acquistata

ortensie come coltivarle
Ortensia (Pixabay)

Abbiamo detto che le cose da fare per mantenere in salute la pianta sono principalmente tre:

  • Rinvasare: nella maggior parte dei casi, dipende da dove l’avete acquistata, la vostra ortensia non avrà un vaso e un terreno del tutto adatto. Quindi, il vaso non deve essere nè troppo grande nè troppo piccolo; inoltre, deve avere un terreno acido e drenante: andrà bene terriccio universale con l’aggiunta di torba, sabbia e perlite;
  • Controllare le foglie: è importante controllare che non ci siano parassiti. Se ci sono, usare un parassitario, magari l’olio di neem, del tutto naturale. Poi, tenerla isolata per qualche tempo in modo che possa fare la sua “quarantena” e non intaccare le altre piante;
  • Metterla nel posto giusto: l’ortensia ha bisogno di stare a mezz’ombra nelle ore del mattino e del tardo pomeriggio; mentre nelle ore più calde della giornata deve stare all’ombra per mantenersi in salute.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Riprodurre le Ortensie per talea: definizione, metodi e consigli

Dopo queste azioni fondamentali, potete stare tranquilli perchè la pianta crescerà forte e in salute a patto che quando il terreno sarà secco siate pronti a darle la giusta quantità di acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd