Assegno Unico 2022 pagamenti, come avere importi maggiori

Quando scattano le maggiorazioni per chi ha il diritto di percepire l’Assegno Unico 2022 i cui pagamenti ed importi sono legati a reddito e famiglia.

Un uomo compila un documento con dei soldi tutt'intorno
Un uomo compila un documento con dei soldi tutt’intorno (Freepik)

Assegno unico 2022 pagamenti, in alcune situazioni è possibile fare in modo di ricevere una cifra superiore a quella che ci spetta in base al calcolo dell’ISEE presentato e delle specifiche che riguardano il nostro nucleo familiare. La misura, che da quest’anno ha rimpiazzato ed inglobato altri importanti provvedimenti di sostegno, è destinata a chi ha dei figli a carico dal settimo mese di gravidanza fino ai 21 anni.

Tante sono le domande per avere accesso all’Assegno unico 2022 che l’INPS ha ricevuto. L’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale stesso ha anche fatto sapere che molti ISEE in allegato risultavano errati o mal compilati. Cosa che ha portato in molti in ultima fascia, quella meno privilegiata, che otterrà pagamenti ed importi pari a solamente 50 euro al mese per ogni figlio a carico.

I pagamenti per gli aventi diritto all’Assegno Unico 2022 sono iniziati, in ogni caso, dalla seconda metà di marzo e proseguiranno anche ad aprile, con pure il versamento degli arretrati per chi non ha ancora ricevuto nulla o dovesse avere corretto la propria posizione.

Assegno Unico 2022 pagamenti, i casi previsti

Dei soldi con un documento ed una penna oltre ad una calcolatrice
Dei soldi con un documento ed una penna oltre ad una calcolatrice (Pixabay)

Riguardo all’occasione di potere ricevere un accredito maggiore, è bene ricordare che chi ha un reddito inferiore ai 15mila euro ed almeno tre figli, ottiene 85 euro di importo aggiuntivi per l’appunto per ogni figlio dal terzo in poi. Tale importo cala progressivamente man mano che si raggiungono e si superano i 40mila euro di ISEE.

Il limite dei 21 anni stabilito dall’Assegno Unico decade in caso di presenza di figli disabili e non autosufficienti. In quel caso pure scatta una maggiorazione che ogni mese porta 80 euro in più (85 se con ISEE non superiore a 15mila euro, che calano a 25mila con ISEE da 40mila euro in su, n.d.r.). Se ci sono figli minorenni disabili, ecco ulteriori 105 euro al mese per situazioni di non autosufficienza. O 95 euro se con riscontrata grave disabilità. Oppure 85 se con disabilità media.

Potrebbe interessarti anche: Assegno INPS, come ottenere 525 euro mensili in aggiunta alla pensione

Con l’Assegno Unico 2022 è previsto un importante aiuto anche alle madri in età giovanissima, con 20 euro al mese ulteriori per ciascun figlio.

Potrebbe interessarti anche: Assegno di invalidità, ti spetta anche se hai questi dolori: come averlo

Come ottenere le maggiorazioni previste

Se poi sia la madre che il padre detengano un reddito di lavoro, ogni figlio minore fa scattare il diritto ad ottenere 30 euro al mese. Il tutto sempre con ISEE che non superi il 15mila euro all’anno. Altrimenti la maggiorazione cala fino ad azzerarsi con 40mila euro annui dichiarati.

Potrebbe interessarti anche: Bonus Casalinghe, a chi spetta il sussidio INPS: i requisiti

Per finire, quei nuclei familiari che abbiano almeno 4 figli a salire ottengono 100 euro al mese ed una compensazione nel caso in cui l’ISEE non oltrepassi il limite fissato in 25mila euro. Per ogni informazione ulteriore il consiglio è quello di rivolgersi ad un patronato Caf, che saprà fornire tutte le indicazioni utili del caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *