Bonus Casalinghe, a chi spetta il sussidio INPS: i requisiti

I criteri richiesti per avere accesso al Bonus Casalinghe 2022: a chi è destinata la misura dell’INPS e quanto mette a disposizione ogni mese.

Una donna vista di profilo
Una donna vista di profilo (Pixabay)

Bonus Casalinghe, l’ottimo provvedimento fornisce un aiuto economico sostanziale ogni mese attraverso un apposito assegno e ad erogarlo è l’INPS. La somma che le aventi diritto potranno ricavare ammonta a ben 468,10 euro. Vediamo in che modo è possibile usufruirne.

Il Bonus Casalinghe richiede il rispetto di determinati e ben specifici parametri. Anzitutto l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale fa sapere che sarà vincolante il proprio reddito annuo di riferimento. Nel caso di donne sposate con un coniuge che concorre nel formare lo stesso, il tetto massimo indicato dal proprio ISEE non deve superare i 12mila e 170,60 euro all’anno.

Per le situazioni di donne sole invece la cifra indicata nel proprio ISEE e che non deve essere oltrepassata allo scopo di ottenere il Bonus Casalinghe è di 6mila e 85,30 euro. Ciò vale anche se si è vedove. In tal caso bisogna valutare la situazione che fa riferimento ad un eventuale assegno di pensione di reversibilità, erogato sempre dall’INPS.

Potrebbe interessarti anche: Contributi INPS colf 2022, scade la prima data: come pagare

Bonus Casalinghe, requisiti: a chi spetta e gli importi offerti

Una casalinga tipo
Una casalinga tipo (Freepik)

L’assegno del Bonus Casalinghe spetta per intero, con dunque i 468,10 euro previsti, se le aventi diritto non risultano essere né sposate né con un reddito. Altrimenti scatta una misura ridotta, in questi casi:

  • sposata e con ISEE inferiore ai 6.085,30 euro all’anno;
  • sposata e con ISEE inferiore ai 12.170,60 euro all’anno;

Potrebbe interessarti anche: Rimborso pedaggio autostradale, fino al 100% di cashback se paghi così

Una volta che si è presentata domanda tramite il sito web ufficiale dell’INPS, se si risulterà idonee a questo provvedimento scatterà il pagamento a partire dal primo mese a quello in cui si è avanzata la richiesta.

Potrebbe interessarti anche: C’è anche il Fondo Casalinghe INPS, per tutte le età

Altre modalità per inoltrare suddetta richiesta consistono nell’avvalersi della consulenza di un Patronato CAF oppure nel richiedere l’assistenza di un call center dell’INPS telefonando al numero verde. Tra l’altro la copertura alla quale possono usufruire le donne è estesa anche dalla possibilità di potere aderire ad una forma di assicurazione istituita dall’INAIL. Qui tutti i dettagli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *