Nuove sostanze chimiche vietate dalla Commissione UE: la lista completa

La Commissione Europea ha deciso di applicare delle nuove restrizioni circa l’impiego di sostanze chimiche pericolose per la salute dell’uomo.

Sostanze dannose
Provette (Foto Pexels)

Da una comunicazione ufficiale dell’European Environmental Bureau, si apprende che la Commissione Europea bandirà tra le 5000 e le 7000 sostanze chimiche tossiche attualmente impiegate in vari settori. La lista completa.

Nuove restrizioni UE: la lista delle sostanze chimiche vietate da oggi

Circa 7000 sostanze dannose per la salute dell’uomo saranno presto ritirate in via ufficiale dalla Commissione Europea. Il divieto riguarderà tutti i ritardanti di fiamma, i bisfenoli, le sostanze chimiche cancerogene, gli PFAS e i PVC.

Sostanze vietate
Giocattoli (Foto Pexels)

Si tratterebbe quindi di una restrizione che andrà a colpire moltissimi settori industriali e farmaceutici, come quello dei prodotti per bambini. Queste sostanze infatti sono contenute in creme per neonati, pannolini, ciucci e altri prodotti per l’infanzia.

Tuttavia sembrerebbe che l’industria chimica abbia accolto favorevolmente la proposta, trattandosi di un piano che si attuerà entro il 2030 e quindi a lungo termine.

Potrebbe interessarti anche: Biossido di titanio E171: vietato dall’UE, tutti i rischi per la salute

L’impiego delle sostanze chimiche in Europa

Si stima che circa tre quarti delle sostanze chimiche prodotte in Europa siano pericolose per la salute delle persone. Le vendite dei prodotti chimici sono raddoppiate dal 2000 al 2017 e in Europa attualmente si utilizzano circa 200.000 sostanze tossiche dannose in vari settori industriali e farmaceutici.

Uno scenario piuttosto preoccupante se si pensa che l’impatto negativo di tale impiego non è solo dannoso per la salute dell’uomo, ma anche per l’ambiente. Negli ultimi anni, la Commissione Europea ha già effettuato importanti restrizioni, come quella sull’ossido di etilene o sul biossido di titanio, impiegato nei cosmetici e in alcuni prodotti farmaceutici.

Tuttavia il percorso è ancora lungo per una restrizione più completa. In linea di massima, l’operazione è volta a vietare l’impiego e il commercio di prodotti per l’infanzia come pannolini, creme per neonati, ciucci, tiralatte e quant’altro contaminati da sostanze chimiche dannose.

Potrebbe interessarti anche: Allerta biossido di titanio e nanoparticelle nei prodotti del supermercato

Si tratta quindi di prodotti molto più delicati degli altri in quanto rivolti a bambini di fasce d’età inferiori e neonati, più soggetti ad eventuali effetti collaterali. Si attendono ulteriori aggiornamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *