Herpes: sintomi, cause e trattamento della malattia infettiva

L’herpes è una malattia infettiva altamente fastidiosa che può colpire chiunque: scopriamo le cause, i sintomi e come trattare questa patologia spiacevole.

Fastidio al labbro
Fastidio al labbro (AdobeStock)

L’herpes è una malattia, in una certa misura, ricorrente tra le persone. Secondo la Società Brasiliana di Dermatologia (SBD), è un’infezione virale comune, per la quale il 99% della popolazione adulta ha già acquisito l’immunità nell’infanzia e nell’adolescenza. Tuttavia, se non è trattato correttamente, può causare disagio e ferite più gravi nella regione interessata.

La patologia è causata dal virus herpes simplex (HSV) e si divide in due tipologie:

  • Tipo 1, ovvero l’herpes labiale;
  • Tipo 2, cioè quello che colpisce i genitali.

Alcune persone possono essere più soggette di altre a manifestare l’herpes. Infatti venendo a contatto con il virus, alcuni non manifestano sintomi altri invece sviluppano delle vescicole poste ai margini delle labbra. Possono inoltre manifestarsi all’interno del cavo orale (palato o gengive).

Ti potrebbe interessare anche >>> Herpes: la cura inizia dalla tavola

Sintomi, cause e trattamento dell’Herpes

cause herpes
Labbra (Unsplash)

Sintomi

Nella maggior parte dei casi, come anticipato, l’Herpes è asintomatico. Tuttavia ce ne sono altrettanti nei quali non lo è. Inizialmente si può manifestare prurito e bruciore nella zona dove le vescicole devono ancora comparire. Successivamente, si formano piccole lesioni raggruppate sulla zona arrossata e gonfia.

Le vesciche in seguito si rompono rilasciando un liquido ricco di virus e formano una ferita. Questa è la fase più pericolosa per la trasmissione della malattia. La ferita comincia ad asciugarsi formando una crosta che inizierà a guarire. La durata della malattia è di circa 5-10 giorni.

Cause

Il virus herpes è molto contagioso e si trasmette per contatto diretto fra persone. Il contagio avviene principalmente per contatto diretto con la mucosa infetta. Il momento nel quale il soggetto è più contagioso è quando compaiono le vescicole, Tuttavia è possibile che la trasmissione dell’herpes avvenga anche nei giorni che ne precedono la comparsa.

È possibile andare incontro ad un autocontagio, ovvero contagiare altre parti del corpo come: naso, occhi o genitali. Per questo solitamente si raccomanda di non toccarsi le vescicole e di seguire un’accurata igiene generale. È meno comune, ma possibile, la trasmissione del virus attraverso asciugamani, rasoi, bicchieri, posate e altri oggetti.

Ti potrebbe interessare anche >>> Rimedi naturali per le infezioni da piercing: come agire correttamente

Trattamento

Nella maggior parte dei casi di herpes, il corpo stesso, attraverso il sistema immunitario, combatte l’infezione e si riprende dai sintomi causati dalla malattia. Tuttavia, vale la pena consultare un medico per, oltre ad accelerare il processo di rigenerazione, evitare possibili complicazioni. Solitamente il trattamento è attraverso l’antivirale, per via orale e topica. Inoltre, nel caso in cui si sospetti di essere infetti, è importante fare attenzione a non aggravare il proprio caso e a non contaminare altre persone con l’herpes. Tra le principali raccomandazioni ci sono:

  • Non forare le piaghe;
  • Evitare di baciare o parlare troppo vicino ad altre persone  (specialmente i bambini) se la sede dell’infezione è labiale;
  • Interrompere i rapporti intimi se l’infezione è genitale;
  • Lavarsi accuratamente le mani dopo aver maneggiato le ferite, poiché il virus può essere trasmesso ad altre parti del proprio corpo, specialmente alle mucose oculari, orali e genitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *