Disturbo Oppositivo Provocatorio, quando il bambino è in conflitto con i grandi

Il Disturbo Oppositivo Provocatorio (DOP) è un disturbo neuropsichiatrico che colpisce il bambino, facendolo entrare in conflitto con le persone adulte.

DOP bambini cause
Bambina arrabbiata (Pixabay)

Il Disturbo Oppositivo Provocatorio (DOP) è un disturbo neuropsichiatrico che colpisce il bambino, facendolo entrare in conflitto con le persone adulte. Siano esse i propri genitori o i propri insegnanti, qualsiasi persona adulta voglia impartire un ordine. I bambini che soffrono questa patologia non riescono a controllare le proprie emozioni o i propri comportamenti.

Rabbia, ansia, frustrazione, sono i sentimenti principali che affliggono chi ne è affetto. Il DOP si diagnostica intorno ai 6 anni di età, quando il bambino inizia le scuole elementari. Non è una malattia facile da diagnosticare, in ogni caso, il piccolo presenta scatti di ira e di aggressione. Scopriamo a cosa si deve questo disturbo e come si manifestano i primi sintomi.

Potrebbe interessarti anche → Dovresti andare al mare per i benefici che è in grado di offrire al corpo

I sintomi e le cause del Disturbo Oppositivo Provocatorio nei bambini

disturbo neuropsichiatrico bambini
Bimbo che fa una smorfia di disgusto (Pixabay)

Pe prima cosa, non si tratta un caso isolato, non deve essere confuso con attacchi isterici o comuni litigi tra figli e genitori. Quelli capitano a tutti, ed è anche normale. Si tratta, più che altro, di una conflittualità costante che il bimbo prova nei confronti dell’adulto. I medici, per la diagnosi, prendono come base temporale sei mesi di irascibilità e di scontrosità continua.

I sintomi del DOP si manifestano sempre in ambito famigliare, ma anche scolastico. In casi più rari anche in altri contesti sociali. In pratica, i bambini affetti cercano sempre lo scontro, hanno desiderio di litigio, spesso sono anche vendicativi e dispettosi. Questa patologia deve essere trattata in modo efficace sin da piccoli, e non deve essere assolutamente sottovalutata.

Se il DOP non viene trattato correttamente, da adulti, queste persone saranno probabilmente disadattate, depresse, asociali e frustrate. Nei casi più gravi, questi individui avranno impulsi morbosi, lesionistici, autodistruttivi. Ma quali sono le cause scatenanti il disturbo?

Le cause scatenanti il disturbo

Disturbo Oppositivo Provocatorio rabbia bambini
Ragazzino che urla (Pixabay)

Non è semplice per un medico affrontare la diagnosi. Questa può essere legata all’ambiente, come nel caso di famiglie troppo fredde, oppure a sistemi educativi troppo rigidi, sia a casa che a scuola. Insomma, fattori di stress e di freddezza incidono profondamente sulla psiche del bambino. La diagnosi di Disturbo Oppositivo Provocatorio tiene conto della frequenza degli attacchi di rabbia del ragazzino.

Il trattamento che i medici hanno a disposizione è molto delicato. Per attuarlo al meglio, si necessita della collaborazione di tutta la famiglia, genitori e fratelli. In casa si deve respirare armonia e serenità, e bisogna impartire regole meno severe. Il bimbo deve imparare a gestire la propria rabbia e a vedere i genitori non come nemici. In alcuni casi, i medici prescrivono farmaci specifici.

Potrebbe interessarti anche → Sarai così fortunato da vedere il quadrifoglio? Sfida il nuovo test visivo

Naturalmente, a incidere sulla diagnosi e sul trattamento da seguire, è la fascia di età del bambino. In età prescolare o nei primi anni di scuola, ci si deve appoggiare a un intervento educativo che comprenda sia la scuola che la casa. Durante l’adolescenza, invece, la terapia diventa più individuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *