Il cervello si “autopulisce”: lo sapevi?

Il cervello si “auto-pulisce”: lo sapevi? ecco perché questo fattore è assolutamente indispensabile per una vita serena

Memoria come funziona
Cervello (Pixabay)

Il cervello ha una sorta di funzione auto-pulente che impedisce alla memoria di sovraccaricarsi.

Ti potrebbe interessare anche->Le cattive abitudini igieniche che potresti avere e che andrebbero evitate

Il cervello ha una funzione con cui si “auto-pulisce”: lo sapevi?

Memoria
Ramificazioni cervello (Pixabay)

Quando iniziamo ad avere i primi vuoti di memoria tendiamo ad allarmarci. La memoria infatti ci è indispensabile per poter vivere bene. Immaginiamo di dimenticare all’improvviso un po’ tutto: la via di casa, il nostro nome, il numero di cellulare. Praticamente sentiremmo di perdere praticamente la nostra identità. E’ ovvio che, a questo livello, la perdita di memoria non è mai sana. Mai, in quanto compromette lo stile di vita sano: possiamo dire, per tenere la linea generale, che la perdita di memoria è insana ogni qualvolta compromette lo stile di vita.

Ti potrebbe interessare anche->Quando è meglio dimagrire? Bisogna anche scegliere il momento adatto

Non sempre però è una cosa che deve indurci in allarme. Alle volte infatti non ricordare le cose è assolutamente normale e anzi potremmo definire la cosa anche sana. Esattamente come un cellulare quando accumuliamo foto su foto esaurisce la memoria, così il nostro cervello ha bisogno di cestinare in maniera vera e propria le cose che non ci servono più. Come una sorta di memoria che è in continuo aggiornamento e decide di conservare solo ciò che è funzionale alla nostra sopravvivenza.

Inoltre, al di fuori della metafora, dobbiamo ricordare che il nostro cervello non è un cellulare e quindi le cose non vengono registrate in maniera autonoma. Perché una cosa venga ricordata, è necessaria che ci sia, nella maggior parte dei casi in un uomo adulto, un’applicazione attiva. Se quindi cercate di ricordare il piccolo dettaglio accaduto in tal giorno senza che in tal giorno abbiate applicato un minimo di attenzione, è normale che l’informazione non sia nel vostro datebase.

Prima di allarmarvi, dovreste quindi cercare di capire cosa sia patologico e cosa non lo sia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *