Coltivare l’impatiens, la pianta perfetta che cresce all’ombra

È una pianta bellissima, colorata e profumata, coltivare l’impatiens non è neanche troppo difficile, è la pianta adatta per crescere all’ombra.

coltivazione impatiens balcone
Impatiens asiatico color rosa (Pixabay)

È una pianta bellissima, colorata e profumata, coltivare l’impatiens non è neanche troppo difficile, è la pianta adatta per crescere all’ombra. Chi ha il balcone o il terrazzo con poco sole, magari rivolto verso nord, oppure circondato da vegetazione o palazzi, può aggirare il problema acquistando e coltivando questa meravigliosa pianta. L’impatiens, infatti, cresce benissimo anche in condizioni di poca luminosità.

Da molti è conosciuta come “fiore di vetro”, l’impatiens è una pianta erbacea annuale che fiorisce dal mese di maggio fino al mese di ottobre. La fioritura è molto generosa, i fiori presentano cinque petali lunghi 3 centimetri e possono essere di vari colori. Alcuni di questi sono persino sfumati, stupendi da coltivare, adatti per decorare balconi e terrazzi, dando colore alla casa.

Potrebbe interessarti anche → Il sapone utile contro i parassiti delle piante: addio ad afidi, cocciniglie e funghi

La pianta che cresce con poco luminosità, coltivare l’impatiens

coltivare casa fiore di vetro
Bicolore impatiens (Pixabay)

Come mai l’impatiens si chiama così? È una curiosità molto divertente. Dati i suoi piccolissimi frutti, basta solo sfiorarli perché questi si aprono scattanti, lanciando a terra i semi che contengono. Questa caratteristica impulsiva, quasi di impazienza, le è costata questo nome particolare. Invece, è soprannominata fiore di vetro per via dei suoi fusti trasparenti e molto delicati.

Tuttavia, anche nel caso in cui i fusti dovessero spezzarsi, basta metterli in un bicchiere d’acqua per farli rinvigorire, stimolandoli a produrre nuove piantine. Coltivare l’impatiens è semplice, e anche moltiplicarlo tramite talea. Basta recidere correttamente i rametti più forti, diciamo a una lunghezza di 8 centimetri, più o meno, e metterli in acqua. Oltre all’acqua, possiamo farli crescere anche ripiantandoli nel terreno, basta creare un mix di terriccio, torba e sabbia.

Comunque, la coltivazione in acqua è molto più semplice. Una volta che il rametto è stato reciso, togliamo le foglie più basse e lo mettiamo in un bicchiere colmo di acqua. Lo lasciamo a una temperatura fresca, di circa 18°, e tempo una decina di giorni noteremo nuove radici. Una volta che le radici sono completamente sviluppate, possiamo piantare la piantina neonata nel terreno.

Il terriccio deve essere sempre umido e concimato abbastanza spesso. La moltiplicazione per talea è indicata nel periodo maggiore di fioritura, cioè tra maggio e giugno. La semina, invece, si effettua a febbraio e a marzo. In questo modo, le fioriture saranno rigogliose e abbondanti per tutta la primavera.

Potrebbe interessarti anche → Tagliare i fiori dell’orchidea: a volte è necessario anche quando sono sani

Il terriccio perfetto per nutrire la pianta deve contenere foglie, sabbia di fiume e letame maturo. Come già accennato, questa pianta non necessita di troppa luce, va bene in ogni angolo del terrazzo o del giardino. Si sviluppa bene anche in piena ombra, purché si trovi in un ambiente aperto e luminoso. Infine, le irrigazioni devono essere costanti, l’impatiens è molto delicato e ha bisogno di terreno sempre umido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *