Mieloma: sintomi e fattori di rischio, tutto quello da sapere

Il mieloma è una forma di cancro che nasce dai globuli bianchi, scopriamo tutto ciò che c’è da sapere tra sintomi e fattori di rischio.

Flusso sanguigno
Flusso sanguigno (Pixabay)

Il mieloma multiplo è un tumore che colpisce determinate cellule del midollo osseo, chiamate plasmacellule, le quali sono un tipo di globuli bianchi. Le plasmacellule sono cellule del sistema immunitario, quindi sono fondamentali per l’organismo in quanto sono necessarie per contrastare le infezioni fabbricando gli anticorpi che che servono al corpo. Le cellule cancerogene si accumulano e proliferano nel midollo osseo, nel quale crescono le cellule dei globuli bianchi, rossi e piastrine, ovvero le principali cellule che circolano nel sangue.

La moltiplicazione anomala e spontanea di una plasmacellula dà origine a una popolazione di cellule tumorali. Le cellule del mieloma sono responsabili della produzione del monoclonale (CM), il quale successivamente, si accumula nel tessuti e nel sangue. Questo componente può intaccare le varie funzionalità degli organi ma soprattutto delle ossa, rendendole più fragili portandole addirittura alla frattura. Entrando in circolo direttamente nel sangue, indebolisce, inoltre, il sistema immunitario provocando anemia.

Ti potrebbe interessare anche >>> Differenze tra cancro e tumore, non sono la stessa cosa

I sintomi e i fattori di rischio del mieloma

Colonna vertebrale tumore
Colonna vertebrale (Unsplash)

Le cellule tumorali del mieloma, in sostanza producono anticorpi animali invece di quelli che il corpo avrebbe bisogno. Essi possono causare una serie di conseguenze per l’organismo andando a colpire i principali organi vitali. I sintomi più comuni sono:

  • dolore alle ossa, solitamente alla schiena e alle coste
  • debolezza, spossatezza e stanchezza
  • fratture alle ossa più semplici da pricurarsi
  • infezioni e febbri usualu
  • perdita di peso
  • minzione frequente
  • desiderio di bere molta acqua
  • insufficienza renale
  • anemia
  • livelli di calcio bassi

Ti potrebbe interessare anche >>> Come riconoscere un tumore, i sintomi: i test per capire prima del medico

I fattori di rischio di questo pericoloso tumore, aumentano con l’età. La maggior parte delle persone, in media, riceve una diagnosi di mieloma dopo i 65 anni. Inoltre, è più frequente tra la popolazione maschile che quella femminile. Il mieloma multiplo può derivare dalla gammopatia monoclonale di incerto significato (MGUS). Il termine gammopatia richiama la produzione eccessiva di anticorpi. la MGUS costruisce un importante fattore di rischio della malattia e se viene diagnosticata, deve essere monitorata accuratamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *