Alternativa allo zucchero: la soluzione definitiva, salutare ed economica

Chi non è abituato al sapore amaro delle cose e preferisce aggiungere lo zucchero sarà contento di sapere che finalmente è arrivata l’alternativa definitiva, salutare ed economica.

come sostituire zucchero
Cioccolato e zollette di zucchero (Pexels)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

Chi non riesce a fare a meno anche di un cucchiaino di zucchero nel caffè oppure una saccarina o stevia perché pensa sia una valida alternativa salutare, sarà felice si sapere che esiste un’alternativa molto più sana. I dolcificanti, anche se sono privi di calorie, non significa che sia salutare consumarli regolarmente. Prodotti come la stevia, la saccarina, il ciclamato, il sucralosio o l’aspartame sono le opzioni più conosciute, ma sono lontani dall’essere considerati un’opzione valida per la salute.

Secondo diversi studi scientifici, non ci sono prove significative che i sostituti dello zucchero aiutino le persone che li consumano a lungo termine. Pertanto, per eliminare l’amaro del caffè per esempio, la cannella è l’alternativa perfetta come sostituto dello zucchero. È un’alternativa sana ed economica al miele che si trova nei supermercati. Inoltre, aiuta anche a migliorare i disturbi gastrointestinali, a regolare la digestione e ad accelerare il metabolismo.

Cannella: l’alternativa sana allo zucchero

cannella benefici
Cannella (Pexels)

Anche se la cannella è una valida sostituta dello zucchero, bisogna fare attenzione al tipo di cannella che si sceglie. Le più comuni sono

  • cannella di Ceylon, proveniente dallo Sri Lanka e dall’India meridionale, più costoso e meglio valutato
  • cassia, coltivata in Cina e in altri paesi come l’Indonesia e il Vietnam, più comunemente commerciata in Europa e molto più economica.

È importante distinguerle perché la cassia presenta concentrazioni più elevate di cumarina, responsabile dell’aroma della cannella e che diventa un composto tossico per il fegato se si superano i limiti massimi stabiliti dall’Unione Europea. L’assunzione tollerabile giornaliera di cumarina è limitata a 0,1 milligrammi per chilogrammo di peso corporeo, che equivale a un cucchiaino di caffè al giorno.

Ciò non accade se la cannella consumata è quella di Ceylon. Questa ha proprietà antiossidanti e antimicrobiche, pochissime calorie ( un cucchiaino rappresenta sei calorie) ed è fonte di ferro, calcio, fibre, vitamine C e B1 e selenio. Visto che è poco calorica, il pizzico usato per rendere il caffè meno amaro non fa certo ingrassare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.