Medicinali assenti dalle farmacie: Aspirina, Gaviscon, Nurofen introvabili

Da qualche tempo, alcuni medicinali, come Aspirina, Nurofen o Gaviscon, sono assenti dalle farmacie. Cosa sta succedendo?

medicinali assenti farmacie
Medicinali sparpagliati (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Problemi di produzione e di distribuzione per alcuni medicinali molto diffusi, è la stessa AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) a spiegare il perché dell’assenza di farmaci nelle farmacie. Il tutto è legato alla poca disponibilità dei principi attivi utili per la composizione dei medicinali. Questi principi attivi provengono dall’estero e sono sempre meno reperibili.

Problemi logistici hanno cominciato a sorgere sin dal mese di luglio, poi la situazione si è via via sempre più aggravata. In particolare, il Nurofen stenta ad arrivare sugli scaffali delle farmacie. Il medicinale per i bambini non è facilmente reperibile da un po’ di tempo, ma non è l’unico farmaco a mancare nei banconi, ce ne sono diversi.

L’AIFA avverte i cittadini: problemi per la distribuzione dei medicinali

ibuprofene assente farmacia
Medicine in pasticche (Pixabay)

Tutti i farmaci a base di ibuprofene stanno subendo ritardi nelle consegne, l’AIFA ha stilato una lista di tutti i farmaci difficilmente reperibili in tutta Italia. La situazione, comunque, dovrebbe tornare nella norma a partire dal prossimo mese. Le forniture procedono a singhiozzo già da tempo, il Gaviscon addirittura fa fatica ad arrivare nei negozi dallo scorso maggio.

Carenze nella distribuzione si registrano anche per alcuni tipi di Aspirina, come il Bayer, che potrebbe tornare in commercio a alla fine di ottobre, o addirittura nel gennaio 2023. AIFA consiglia di contattare, nel caso in cui una persona dovesse far uso di questi specifici farmaci, il proprio medico, in modo tale da farsi prescrivere medicinali sostitutivi.

problemi distribuzione ibuprofene
Confezioni di medicinali (Pixabay)

Nel caso del Nurofen, infatti, è facilmente sostituibile con una soluzione galenica, uno sciroppo composto dallo stesso principio. Ma perché c’è questa difficoltà nella distribuzione? Come specifica l’ente del farmaco, i problemi di produzione sono dovuti a molteplici aspetti. Il primo è legato all’elevata richiesta, che ha subito picchi per tutta l’estate a causa dei focolai di Covid ai danni dei bambini.

Altra motivazione è la difficoltà nel reperire le materie prime utili alla composizione, importate dall’estero. Si dovrebbe trattare soltanto di una fase passeggera. Il tutto dovrebbe tornare nella norma a partire dall’autunno, perciò non c’è un vero allarme. Nel frattempo, si può tranquillamente procedere assumendo medicinali sostitutivi.

Come afferma Michele Uda, direttore generale di Egualia, il problema di approvigionamento c’è, causato principalmente dalla pandemia in Asia, con nuovi focolai e un nuovo picco di richieste di assistenza. In particolare, tutti quei farmaci che utilizzano principi attivi provenienti dall’estero, come ad esempio dalla Cina o dall’India, sono in fase di stallo. La difficoltà nel reperire le risorse, inoltre, ha fatto levitare i prezzi degli stessi medicinali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.