Occhio alla ciabatta della corrente⚠: se leggi questo codice corri un grave pericolo

La ciabatta della corrente è fondamentale quando la presa è distante e abbiamo bisogno di attaccare più dispositivi insieme, attenzione però, perché potresti correre questo pericolo.

cavi attaccati ciabatta
Ciabatta con cavi attaccati – 031122 (Canva)

Quante volte la ciabatta ti ha salvato nel momento in cui la tua spina non riusciva ad arrivare alla corrente? Di sicuro molte. Specialmente quando avevi bisogno di attaccare più spine contemporaneamente.

Non dico dunque che non sia utile, perché di sicuro lo è. Ciò che ti raccomando è di fare attenzione perché non tutti i dispositivi dovrebbero essere attaccati alla prolunga della corrente. Andiamo a vedere perché e qual è il pericolo che potresti correre.

Quando la ciabatta della corrente può diventare un pericolo?

ciabatta
Persona che inserisce un cavo nella ciabatta della corrente – 031122 (Canva)

La ciabatta (o prolunga) può essere di sicuro utile per i motivi sopra menzionati, però bisogna utilizzarla con criterio perché se sovraccaricata può causare non pochi problemi. Ad esempio, lo sapevi che può determinare un’interruzione di corrente, provocare un incendio oppure causare danni ai dispositivi stessi?

Per questo è importante fare particolare attenzione all’etichetta presente sulla ciabatta, dove viene esplicitamente indicata in watt la potenza massima che è in grado di sostenere. Dunque, fai un acquisto consapevole e non scegliere una prolunga fra le altre, soprattutto se sai che vi dovrai attaccare più prese. Allo stesso modo, è importante conoscere anche la potenza di ogni singolo dispositivo collegato, per fare un rapido calcolo e capire se quella ciabatta può essere adatta oppure no.

Ma per semplificarti le cose ora ti riporto qua sotto una lista dei dispositivi che non dovrebbero mai essere attaccati alla ciabatta:

  • La lavatrice: poiché consuma abbastanza (191 kWh/anno circa), meglio attaccarla a una presa a muro per evitare qualsiasi rischio.
  • Il frigorifero: tra gli elettrodomestici che consumano di più (500 kWh/anno) insieme alla lavatrice, è fortemente consigliato attaccarlo a una prolunga.
  • Stufe, stufette e altri dispositivi ausiliari per il riscaldamento: consumano molta energia, dunque anche in questo caso non ricorrere alla ciabatta.
  • Microonde: consuma circa 90 kWh/anno, dunque stessa cosa per lavatrice e frigorifero.
  • Tostapane: potresti non saperlo e invece anche il tostapane consuma molta energia ( da 8a 500 a 1000 W/anno). Anche in questo caso è meglio attaccarlo al muro.
  • La caffettiera: persino la caffettiera consuma molta energia (165 kWh/anno). Dunque stesso discorso per il microonde.

Questi sono i principali elettrodomestici che non devi assolutamente attaccare alla ciabatta. E se ti è venuta in mente la genialata di attaccare una prolunga all’altra per aumentare gli ingressi senza dover per forza comprare una ciabatta nuova, abbandona subito questa idea perché potresti provocare un incendio se la potenza massima supera la soglia limite.

Infine, altri consigli per utilizzare al meglio una prolunga evitando eventuali pericoli è di spegnerla durante la notte e ogni volta che non ti trovi in casa se c’è il tasto che lo permette. In questo modo sarai più al sicuro e consumerai meno energia. Infine, butta via le prolunghe vecchie di anni e anni perché possono provocare solo danni! Ora che hai letto questa breve guida su come utilizzare le prolunghe al meglio, sono sicura che non avrai più problemi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.