Da gennaio questi bonus saranno cancellati e tutti dovrebbero esserne al corrente

Ci sono alcuni bonus cancellati da quelli che sono i piani del Governo Meloni. Su quali provvedimenti non potremo più fare affidamento.

Un primo piano della premier Giorgia Meloni
Un primo piano della premier Giorgia Meloni (Foto Instagram)

Bonus cancellati, ce ne sono diversi che, con lo scoccare dell’anno nuovo, non ci saranno più. La Manovra di Bilancio per il 2023 studiata dal Governo Meloni infatti non li prevede. E per irrobustire il sostegno in merito ad alcuni aspetti importanti, come ad esempio la lotta all’inflazione, al caro vita ed all’aumento delle bollette di luce e gas, si è reso necessario tagliare altrove.

I bonus cancellati garantiranno così all’Esecutivo in carica sin dalla fine dello scorso mese di settembre di potere mettere a disposizione un carico di 35 miliardi di euro per fornire aiuto alle famiglie ed alle imprese. Alcune misure hanno trovato conferma, come ad esempio l’Assegno unico universale ed il Bonus sociale.

Altre però verranno eliminate. Quali sono i bonus cancellati e che nel 2023 non esisteranno più? Si tratta di diversi provvedimenti che comunque hanno rivestito la loro indubbia utilità.

Bonus cancellati, quali sono quelli che spariranno

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giorgia Meloni (@giorgiameloni)

I bonus che non ci saranno più saranno i seguenti:

  • Bonus barriere architettoniche in scadenza;
  • Bonus trasporti non prorogato;
  • Bonus carburante (stop al voucher da 200 euro);
  • esonero contributivo per mamme lavoratrici del settore privato;
  • quota 102 per le pensioni;

DAI UN’OCCHIATA A QUESTO ARGOMENTO: Se il lavoro ti crea stress non dovresti sottovalutarlo e tieni d’occhio questi sintomi allarmanti

E per finire ci sono dei grossi cambiamenti anche per quanto riguarda il Superbonus 110%. C’è stata una corsa contro il tempo per fare si che i richiedenti riuscissero ad ottenere tale misura entro il 31 dicembre 2022. E proprio per via del fatto che cambieranno diverse cose in proposito.

DAI UN’OCCHIATA A QUESTO ARGOMENTO: Cambia il bonus bollette: adesso più italiani possono richiederlo, tutte le novità

A partire dalla percentuale di detrazione fiscale prevista, che dal 110% calerà per l’appunto al 90%. Anche se sarà comunque possibile ottenere il 110% di detrazioni se verranno rispettate determinate misure.

DAI UN’OCCHIATA A QUESTO ARGOMENTO: INPS: cosa fare se il bonus di 200 euro non è arrivato, tutti i passaggi da seguire

Risulta in particolare che sarà possibile mantenere l’aliquota originale soltanto se, alla data del 25 novembre 2022, risulterà fornita la comunicazione di inizio lavori asseverata (il titolo abilitativo CILA, n.d.r.).

NON PERDERTI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIK TOK E CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

E se, prima di questa data, si è avuto un esito positivo da parte della delibera assembleare. In merito ai lavori su unità unifamiliari, il Superbonus 110% sarà ottenibile soltanto se, entro il 31 marzo 2023, risulterà compiuto per lo meno un minimo di lavori pari al 30% degli interventi totali da realizzare entro lo scorso 30 settembre 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.