Riutilizzare le vaschette di plastica potrebbe essere un grosso sbaglio | Attenzione al retroscena

Vaschette di plastica: sono sicure da utilizzare? Secondo gli esperti ci sono dei casi specifici in cui bisogna prestare più attenzione.

Contenitori (Canva – Inran.it)

Sebbene molte plastiche siano sicure da riutilizzare, alcune contengono componenti che possono essere dannosi per l’uomo e per l’ambiente. Alcune plastiche possono rilasciare sostanze chimiche dannose nel tempo, soprattutto se l’utente espone i materiali al calore.

Queste plastiche sono facilmente individuabili grazie ai codici di identificazione delle resine, i numeri che compaiono al centro del simbolo di riciclaggio – tre frecce che formano un triangolo – impresso sulla maggior parte dei contenitori di plastica.

Vaschette di plastica: si possono riutilizzare? Il parere degli esperti

Vaschette (Canva – Inran.it)

Alcuni contenitori di plastica per alimenti sono più sicuri da riutilizzare rispetto ad altri? Qual è la quantità “sicura” di esposizione alle sostanze chimiche che contengono? I limiti di esposizione raccomandati per le diverse sostanze chimiche presenti negli imballaggi e nei contenitori di plastica per alimenti cambiano continuamente con la pubblicazione di nuove ricerche.

Potrebbe interessarti anche: Stupendo questo centrotavola natalizio | Solo candele e un altro oggetto che lo renderà magico  

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), ad esempio, ha recentemente proposto di diminuire di 100.000 volte quella che è considerata un’esposizione giornaliera sicura al bisfenolo A (BPA; CAS 80-05-7) (come riportato da FPF). Il BPA è ancora ampiamente utilizzato in molte plastiche impiegate per gli imballaggi e le attrezzature per la lavorazione degli alimenti.

Potrebbe interessarti anche: Vuoi fare un regalo 🎁 di Natale davvero perfetto? Allora devi seguire questi preziosi consigli

Tutte le materie plastiche sono materiali complessi che contengono molte sostanze chimiche diverse che possono trasferirsi dagli imballaggi agli alimenti che trasportano, contattano o cucinano. Tuttavia, questo processo di migrazione di sostanze chimiche negli alimenti dipende dal tipo di plastica, dal tempo di contatto, dalla temperatura, dal tipo di alimento e dall’area di contatto tra il contenitore di plastica e l’alimento. Pertanto, la sicurezza del riutilizzo di un contenitore di plastica dipende dalla sua destinazione e dall’uso che se ne fa.

Cosa riutilizzare e cosa no

I contenitori realizzati con alcuni materiali non plastici rilasciano quantità minori di sostanze chimiche negli alimenti quando vengono utilizzati nelle stesse condizioni. Questi materiali sono detti “inerti” e comprendono vetro, ceramica e acciaio inossidabile. Quanto più a lungo un alimento rimane a contatto con l’imballaggio, tanto più a lungo le sostanze chimiche possono migrare dall’imballaggio all’alimento (come riportato dall’FPF, anche qui).

Più il cibo e la confezione sono caldi, più è probabile che le sostanze chimiche migrino dal contenitore al cibo. Questo vale anche per il microonde. Mettete gli alimenti, come i piatti pronti surgelati, su un piatto prima di cucinarli e lasciate raffreddare gli avanzi prima di riporli in un contenitore (specialmente in uno di plastica) (come riportato dall’FPF, anche qui e qui). Molte sostanze chimiche migrano a livelli più elevati negli alimenti grassi e/o acidi rispetto a quelli acquosi (come riportato dall’FPF, anche qui e qui).

Le confezioni di piccole dimensioni hanno un elevato rapporto superficie/volume, il che significa che una maggiore quantità di cibo viene a contatto con l’imballaggio, consentendo livelli di migrazione più elevati (FPF ha riferito).

I quattro consigli illustrati sopra possono aiutarvi a prendere piccoli provvedimenti per ridurre la vostra esposizione alle sostanze chimiche sintetiche che migrano dagli imballaggi riutilizzabili e non riutilizzabili agli alimenti. Date un’occhiata alla scheda informativa sulla migrazione chimica del Food Packaging Forum, che fornisce una semplice panoramica di tutte le considerazioni generali sulla sicurezza chimica in un unico luogo. È disponibile per il download in 18 lingue diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.