Coltivare il Basilico 🌱 in inverno è possibile: ti insegno un piccolo segreto che in pochi conoscono

Come coltivare il basilico in inverno: consigli pratici per garantire alla pianta una sopravvivenza contro freddo ed eventuali gelate.

Coltivare basilico
Basilico (Canva) Inran.it

Anche se le temperature non scendono sotto lo zero durante l’inverno in alcune zone di coltivazione, spesso scendono fino -5°, con occasionali gelate. Questo clima è troppo freddo per il basilico. Non appena le foglie diventano nere, è segno che sono state colpite dal freddo e che non si riprenderanno.

Questa erba è annuale, quindi, a meno che non la portiate in casa, dovrete lasciarla fiorire e morire, per poi piantarne altre l’anno successivo. Ma prima che muoia, potete conservare i semi per seminarli l’anno prossimo o condividerli con gli amici. Verso la fine dell’estate, il vostro basilico produrrà dei piccoli fiori viola: di solito li tagliate, perché le foglie possono avere un sapore amaro quando la pianta muore.

Consigli per coltivare il basilico in inverno

Foglie di basilico (Canva) Inran.it

Per conservare i semi, aspettate che i fiori inizino a diventare marroni – di solito a settembre o ottobre – e tagliate i gambi dei fiori. Appendeteli al chiuso in un luogo fresco e asciutto per 3-5 giorni. Quando i fiori si sono completamente seccati, staccateli delicatamente e strofinateli con le dita su un piatto bianco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Prendi dei pistacchi e mettili qui: potrai avere una pianta stupenda in casa tua

I piccoli semi neri cadranno sul piatto e potranno essere messi in una busta di carta marrone o in un contenitore ermetico e conservati in un luogo asciutto e buio per essere piantati la prossima primavera. Tecnicamente è possibile far crescere una singola pianta per alcuni anni prima che si estingua. Ma i fusti centrali e laterali diventeranno legnosi dopo circa un anno e le foglie prodotte dalle piante più vecchie non saranno così saporite. Inoltre, è necessario rimuovere i fiori che iniziano a formarsi.

LEGGI ANCHE QUESTO ARTICOLO: Pistacchio: benefici, controindicazioni, calorie, quanti mangiarne al giorno

Se prendete delle talee da una pianta esistente e le propagate ogni sei mesi circa, potrete avere una fornitura continua di piante tenere. Per sapere come fare, consultate la nostra guida alla propagazione del basilico. Ecco come godere del gusto fresco del basilico per tutto l’autunno e l’inverno, anche in luoghi dove ci sono solo quattro ore di luce nel cuore dell’inverno.

Il modo migliore per svernare il basilico: Portarlo in casa

Avete diverse file di basilico che crescono nel vostro giardino? Odiate vederli soccombere alle temperature autunnali? Se avete già una pianta di basilico preferita che produce molte foglie gustose, non c’è motivo per cui non possiate continuare a gustarla in casa per tutto l’autunno e l’inverno. Collocata in un luogo accogliente su un davanzale soleggiato, prospererà durante i mesi freddi. In estate, potrete ripiantarla all’aperto.

NON PERDERTI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIK TOK

Raccogliere i materiali

Avrete bisogno di un contenitore o di un vaso con un buon drenaggio, nonché di un piatto o di un sottovaso drenante, poiché vorrete mantenere il basilico ben irrigato quando lo porterete all’interno. Le dimensioni del vaso da scegliere dipendono dalle dimensioni della pianta che state dissotterrando.

Le piante di basilico molto grandi possono avere radici profonde fino a 12-18 pollici, ma in genere si adattano a essere piantate in un vaso leggermente più piccolo. Per andare sul sicuro, scegliete un vaso profondo 15 pollici. Per una pianta consolidata non è consigliabile scegliere vasi più piccoli di 20 cm di profondità e 20 cm di larghezza.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Avrete anche bisogno di una cazzuola, del terriccio e di un po’ di tempo. Se, come me, avete dei bambini piccoli, aspettate che siano occupati prima di iniziare a dissotterrare la vostra pianta dal giardino.

Mettere in vaso la pianta

Aggiungete una manciata di terriccio fresco alla vostra fioriera. Tracciate un cerchio largo 15 centimetri nella terra intorno alla vostra pianta e scavate per 15 centimetri con una cazzuola. Allentate delicatamente il terreno e, se necessario, scavate un po’ più a fondo. Si desidera che l’intera zolla di terra rimanga intatta.

Una volta liberata la zolla, sollevatela dalla terra e mettetela nel vaso in attesa. Aggiungete una o due manciate di terra del giardino che la circondava. Completate il tutto con qualche manciata di terriccio.

Innaffiare la pianta

Innaffiate l’erba appena invasata fino a quando il piatto di scolo non perde le prime gocce d’acqua, e non di più. Non dovete annegarla, ma dovete mantenere il terreno costantemente umido, soprattutto nelle prime settimane dopo il trapianto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.