Puoi avere un bellissimo Ulivo anche in casa | Cura e coltivazione della pianta in vaso

Come avere un bellissimo ulivo in casa: tutti i segreti per la cura di questa pianta così delicata e come coltivarla indoor.

Ulivo in casa
Ulivi in casa (Canva) Inran.it

Il momento migliore per piantare un olivo da interno è l’inizio della primavera e i mesi estivi. Per sopravvivere, gli ulivi hanno bisogno di pieno sole e di sei-otto ore di luce diretta e brillante. La posizione ideale è quella di fronte a una finestra esposta a est o a sud, in una stanza asciutta e spaziosa, come il soggiorno.

Gli ulivi prosperano in climi con estati calde e secche e inverni freschi e umidi inerenti alla Zona 8 della USDA Plant Hardiness Zone Map, che comprende gran parte del Pacifico nordoccidentale e del Sud americano. Gli alberi hanno meno probabilità di sopravvivere a temperature inferiori ai 15 gradi Fahrenheit.

Come coltivare un ulivo in casa

Foglie di ulivo (Canva) Inran.it

Il modo più semplice per coltivare un ulivo è partendo da una talea o acquistando una giovane varietà nana presso il centro di giardinaggio o il vivaio locale. Ecco una guida passo passo per la coltivazione di un ulivo in casa.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Scegliete una varietà adatta al vostro spazio. Esistono diverse varietà di ulivo, ma alcuni tipi sono migliori di altri per la coltivazione in casa. La varietà nana non fruttifera è la migliore per l’interno: l’olivo Arbequina, proveniente dalla regione spagnola della Catalogna, è una buona scelta per gli spazi ridotti, poiché non raggiunge più di qualche metro quando è maturo. Sebbene l’Arbequina sia autofruttuosa, è improbabile che produca frutti quando cresce in casa, perché di solito non c’è abbastanza luce solare per favorire il processo.

NON PERDERTI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIK TOK

Scegliere il terreno

Gli olivi da interno crescono meglio in contenitori grandi con fori di drenaggio. Scegliete per l’olivo un terriccio non drenante, come il terriccio sabbioso per cactus. Le opzioni con aggiunte leggere come perlite o ghiaia possono aiutare il drenaggio.

LEGGI ANCHE QUESTO ARTICOLO: Pistacchio: benefici, controindicazioni, calorie, quanti mangiarne al giorno

Piantate in un nuovo contenitore

Se il vostro albero è in un contenitore da vivaio, potreste volerlo piantare in un vaso più grande, in modo da non doverlo rinvasare così rapidamente. Togliete l’albero dal contenitore e prendete nota della profondità con cui è stato piantato. Separate delicatamente le radici dalla zolla. Piantate l’albero nel nuovo contenitore e aggiungete abbastanza terra, in modo da poterlo interrare alla stessa profondità del contenitore del vivaio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Prendi dei pistacchi e mettili qui: potrai avere una pianta stupenda in casa tua

Propagazione

Per coltivare un ulivo da una talea, è necessario un fusto di otto o nove centimetri con uno o due nodi fogliari da un albero che ha già fruttificato. Riempite quindi il vaso con terriccio sabbioso per cactus, quindi posizionate il lato tagliato del ramo a circa metà del terreno. Ricoprite il terriccio intorno alla talea, fino a ricoprirne la parte superiore. Le radici possono impiegare alcuni mesi per stabilirsi, quindi dovrete annaffiare la pianta ogni giorno per favorire la germinazione.

Acqua

Durante il primo anno di vita, innaffiate abbondantemente l’albero ogni settimana e lasciate che l’acqua in eccesso scoli attraverso il fondo del vaso in un secondo contenitore. Aggiungete altra acqua quando i primi due centimetri di terriccio sembrano asciutti al tatto, ma tenete presente che gli ulivi crescono più lentamente durante i mesi autunnali e invernali. Quando l’albero sembra prosperare nel suo vaso, potete ridurre le annaffiature a una volta al mese.

Concimare

Utilizzate un fertilizzante per piante d’appartamento a base di azoto una volta al mese durante l’autunno e l’inverno, prima di passare a un fertilizzante a lento rilascio due volte al mese all’inizio della primavera. Compost e pacciamatura non sono necessari, poiché trattengono più umidità di quella necessaria all’olivo.

Ecco alcuni consigli che possono aiutarvi a coltivare un olivo sano in casa:

1. Tenere le foglie lontane dalla finestra. Tenete le foglie dell’albero lontano dalla superficie della finestra, che si scalda a causa della luce solare e può bruciarle. Se la pianta non riceve abbastanza luce diretta, il suo verde inizia a diminuire durante i mesi invernali, quindi potrebbe essere necessario fornire più luce attraverso mezzi artificiali per far prosperare l’albero.
2. Potatura. Potate il vostro ulivo per mantenere l’altezza o la forma che preferite – gli ulivi da interno funzionano bene anche come bonsai – o se sembra che possa superare il suo vaso. Aspettate l’autunno del secondo anno di vita dell’albero per potare.
3. Monitorare i parassiti. Sia gli ulivi da interno che quelli da esterno sono suscettibili di essere danneggiati da insetti nocivi. Il principale di questi è la cocciniglia, un insetto dal guscio duro che con i suoi duri apparati boccali può penetrare nelle foglie e nel tronco dell’albero per drenare la linfa. Controllate regolarmente la parte inferiore delle foglie dell’albero e utilizzate del sapone insetticida per respingere gli invasori. Anche le cimici possono essere un problema per gli ulivi, perché sono portatrici di batteri potenzialmente letali per queste piante.
4. Rinvasare se necessario. Le radici dell’ulivo si affolleranno nel contenitore dopo il primo anno, quindi sarà necessario rinvasare entro i primi anni di vita. Spostate l’albero di una dimensione alla volta e, se si trova già nel contenitore più grande che potete o volete usare, aggiungete qualche centimetro di nuovo terriccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.