Metabolismo lento: grazie alla nutrizionista ho capito quali sono i fattori che lo causano e come rimediare

Metabolismo lento: non sapevo come fare, poi ho scoperto che cosa stavo sbagliando. Grazie alla nutrizionista ho capito come rimediare: ecco quali sono state le cause e i fattori scatenanti. 

Metabolismo lento, come fare, fattori che lo influenzano
Metabolismo lento: grazie alla nutrizionista ho capito quali sono i fattori che lo causano e come rimediare (inran)

Il metabolismo lento, un problema che spesso abbiamo incontrato nel corso della nostra vita. Si tratta di una condizione che inevitabilmente va a scontrarsi con il peso forma e dunque con il dimagrimento, perché si fa maggiormente fatica a bruciare calorie. Le cause che conseguono questa condizione sono riscontrabili nel metabolismo basale e nel metabolismo da lavoro, rispettivamente il dispendio energetico a riposo e l’energia spesa durante i vari lavori unita alla digestione dei cibi. 

Come riporta ‘Corriere.it’, i fattori che influenzano il metabolismo sono diversi: innanzitutto la genetica, perché a livello fisico siamo tutti diversi ed esistono delle chiavi differenti per ‘sbloccarlo’. Il peso e la massa corporea è un indicatore non di poco conto, perché chi pesa di più brucerà più calorie, mentre influisce su queste dinamiche anche la massa grassa e magra; chi è maggiormente muscoloso brucerà più calorie.

Metabolismo lento, le cause

Metabolismo lento, come fare, cosa fare, fattori che lo influenzano
Metabolismo lento: grazie alla nutrizionista ho capito quali sono i fattori che lo causano e come rimediare (inran)

Ci sono delle differenze da considerare anche per quanto riguarda gli uomini e le donne: quest’ultime, geneticamente hanno una predisposizione particolare per quanto concerne l’accumulo di grasso in alcune zone in particolare, anche a causa degli ormoni e di alcune condizioni particolari come ad esempio la gravidanza e la menopausa.

Inoltre, secondo uno studio della Duke University, il metabolismo si può dividere in 4 cicli durante tutta la vita: rallenta per tutti dopo i 60 anni, termine ultimo – così si può dire – dove diventa fondamentalmente uguale per uomini e donne. L’età, dunque, è molto indicativa per quanto concerne il consumo calorico, che va strettamente a pari passo con gli stili di vita. L’alimentazione, dunque, è assolutamente un fattore principale in tutto questo, perché a seconda delle abitudini alimentari saremo più propensi a prendere o perdere peso.

Metabolismo lento, i fattori di cui tenere conto

Il segreto è alimentarsi bene e soprattutto fare sport: la massa muscolare deve essere sempre allenata e più sport facciamo, più avremo il metabolismo attivo. Svolgere un regolare allenamento di almeno 3-4 giorni settimanali ad una certa intensità, garantisce senza ombra di dubbio dei miglioramenti sensibili per quanto riguarda il dimagrimento e non solo. Dunque, allenarsi bene e con regolarità è la chiave per poter ottenere risultati, ovviamente in considerazione di un regime alimentare che non immetta più calorie di quante se ne consumano; in questo modo, scopriremo il vero segreto del dimagrimento, ossia il deficit calorico, quella condizione in cui il corpo brucerà (appunto) più calorie di quante ne assume, andando incontro all’inevitabile dimagrimento.

Impostazioni privacy