Il segreto per vivere fino a 90 anni in salute, diventerà una piacevole abitudine

Esiste eccome, il segreto per vivere fino a 90 anni. E consiste nel fare nostri alcuni semplici comportamenti che ci renderanno in tutto e per tutto delle persone migliori.

Il segreto per vivere fino a 90 anni è mangiare bene e fare attività fisica con continuità
Il segreto per vivere fino a 90 anni in salute, diventerà una piacevole abitudine (Inran.it) Foto Canva

C’è un segreto per vivere fino a 90 anni stando bene con il corpo – con tutto che gli acciacchi ad una certa età non mancano mai – e con la testa. A volte sarà capitato di leggere di persone che arrivano ad avere così tante primavere e che ci danno l’impressione di stare persino meglio di noi che siamo assai più giovani.

Il segreto per vivere fino a 90 anni ed anche oltre è quello di intraprendere delle sane abitudini. Questo vale sia dal punto di vista della alimentazione che del movimento da fare. In realtà quindi questo segreto per vivere fino a 90 anni è un “non segreto”, perché in teoria è facile distinguere ciò che è buono da ciò che non lo è.

E fare un po’ di sport o comunque un minimo di attività fisica lo è senz’altro. Questa cosa ci porta a scrollarci di dosso la stanchezza legata alla pigrizia, con tutti i benefici del caso sia per muscoli, ossa e tessuti che per una maggiore elasticità e reattività del cervello.

A questo va unita una sana alimentazione, con comunque qualche strappo alla regola che è sempre bene concedersi, se la salute lo consente. Ci sono persone che, facendo la dovuta prevenzione, stanno alla larga da patologie della alimentazione quali diabete e simili. E quindi possono lasciarsi andare una volta alla settimana con una pizza più condita, con qualche porzione di dolce e simili.

Il segreto per vivere fino a 90 anni, scoprilo nel dettaglio

Il segreto per vivere fino a 90 anni è mangiare bene e fare attività fisica con continuità
Uomo in forma (Inran.it) Foto Canva

Per il resto, non sgarrare durante la settimana compensa l’assunzione di questi sfizi saltuari. È necessario limitare gli zuccheri artificiali ed i grassi, che andranno per l’appunto lasciati come eccezione una volta alla settimana. I cibi che non possiedono proprietà nutrizionali e che sono solo buoni di gusto li conosciamo bene. Quelli sono da assaggiare quindi solo una volta ogni sette giorni.

Poi c’è l’esercizio fisico, che può consistere anche solo in una passeggiata per mezzora, ogni due giorni. Questo se siamo alle prime armi, poi quando ci sentiremo pronti potremo chiedere di più al nostro corpo. Magari aumentando l’appuntamento ad una volta al giorno, ed anche facendo salire il minutaggio.

In generale sono richiesti 8mila-10mila passi da compiere ad ogni sessione per avere dei grandi benefici per la salute. Però possiamo iniziare con anche solo la metà, il tempo di prenderci la mano. Questa cosa diventerà una abitudine bella da condurre, sia in compagnia che da soli, magari con qualcosa di piacevole da ascoltare nel frattempo.

L’obiettivo sarà arrivare come minimo a 5-6 km a sessione da condurre ad una andatura di 6 chilometri all’ora. Questi sono i parametri standard che renderanno ogni nostro appuntamento con una camminata veloce estremamente preziosi per il nostro benessere.

Infine occorre abolire alcuni vizi dannosi come fumare e bere alcolici. Comportamenti, questi due, che non comportano alcuna utilità per l’organismo e che anzi, finiscono solamente con il danneggiarlo. E con il rendere la nostra vita più corta e più problematica.

Impostazioni privacy