Cifosi dorsale: curvatura fisiologica o patologia?

    ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:26
    0
    281

    La cifosi dorsale è la normale e sana curvatura della colonna vertebrale. Essa può essere soggetta a una struttura anomala, che determina uno stato patologico.

    Che cos’è la cifosi dorsale

    Per cifosi dorsale (dal greco cyphos, cioè curva) si intende la normale curvatura fisiologica della colonna vertebrale a livello dorsale. È curva sul dorso e concava anteriormente. La curvatura si vede facilmente di profilo. Di norma è una condizione normale, ma può essere interessata da anomalie. Nel rachide le cifosi sono due, cioè la cifosi toracica e quella sacro-coccigea. La curva cifotica in condizioni normali serve a garantire ai polmoni nelle fasi respiratorie, spazio e protezione. La sua struttura garantisce, con le prime dieci coste, la rigidità necessaria al corpo e la giusta elasticità. Il tutto per sopportare i movimenti ed i carichi quotidiani sulla colonna.

    In maniera simile a quanto accade per la lordosi, i termini cifosi dorsale viene usato di solito per indicare una condizione patologica. Se la concavità è eccessiva e si ha un angolo che supera i 45°, si ha il dorso curvo, l’ipercifosi, o popolarmente, la gobba. Se la cifosi è eccessivamente ridotta si parla di ipocifosi. L’ipercifosi di solito si associa a quadri di iperlordosi lombare e cervicale.

    Una cifosi anomala e patologica può essere il risultato di malattie degenerative come artrite, sindome di Scheuermann, osteoporosi o della frattura della colonna vertebrale. In un soggetto normale, il rachide toracico si estende per tutte le vertebre toraciche, anche se in una angolazione variabile. Nello specifico l’angolo delle vertebre, corretto e sano, varia tra 25-45 gradi.

    Cifosi patologica

    La diagnosi di una cifosi patologica si formula grazie all’osservazione fisica e alla misurazione con la radiografia della colonna vertebrale. Le cifosi patologiche si distinguono in base alle cause all’origine. Nello specifico si distingue fra:

    • cifosi posturale, molto diffusa.
    • Cifosi congenite e idiopatiche: in questo caso l’autocorrezione, come per la cifosi idiopatica, non è sempre funzionale. In alcuni casi è necessario mettere tutori ortopedici per un paio di anni o un intervento chirurgico. I soggetti nascono già con questo problema, derivato sostanzialmente dalla fusione fra vertebre (due o più).
    • Osteocondrosi, la più diffusa fra i giovani.
    • Cifosi da invecchiamento: modificazioni morfologiche dovute all’età, all’alterazione dei legamenti, al cambiamento della schiena.

    Cifosi posturale

    Cifosi posturale

    Cifosi dorsale posturale, è un classico acquisito fra i banchi di scuola. Associata a debolezza muscolare e dei legamenti. La cifosi dorsale posturale è data da una cattiva postura e determina l’allungamento dei legamenti e dei muscoli che devono sostenere le vertebre toraciche. Questo anomalo allungamento determina una variazione nel normale assetto della colonna e accentua la concavità anteriore nella parte toracica.

    La cifosi è diffusa tra i giovani, perché sono questi ad avere una colonna modellabile. Comportamenti che possono condurre a tale problema sono: avere una postura cadente, cioè stare in piedi con le braccia penzolanti; appoggiarsi con la parte superiore della schiena sullo schienale della sedia, usare zaini troppo pesanti. É importante avere una corretta postura, per evitare che il problema diventi patologico grave. Quindi ben venga la ginnastica posturale per rinforzare muscoli e tronco.

    Morbo di Scheuremann

    La cifosi dorsale patologica in questione, detta anche Osteocondrosi  o cifosi giovanile, è la forma di cifosi patologica maggiormente diffusa fra la gioventù. Essa è dovuta all’errato sviluppo delle vertebre che anziché essere cilindriche-rettangolari, hanno un aspetto conico-triangolare. La causa del problema non è tuttavia conosciuta, o meglio, al momento è considerato un problema determinato da più fattori contemporaneamente. Il problema sembra colpire maggiormente i maschi rispetto alle femmine.

    Altre cause della cifosi patologica

    Altre possibili cause dello sviluppo di anomalie nella cifosi dorsale normale sono:

    • osteoporosi
    • spondilosi
    • spina bifida
    • malattia di Paget
    • neurofibromatosi
    • distrofia muscolare
    • tubercolosi
    • tumori

    Cura e trattamento della cifosi dorsale patologica

    Molte volte la cifosi appare come lieve e richiede un monitoraggio di routine, talvolta però è debilitante e dolorosa. In casi gravi la cifosi dorsale patologica può dare disagio, difficoltà a respirare, difficoltà a digerire, irregolarità vascolare, compromissioni neurologiche. Le curvature gravi non rispondono bene al trattamento lieve (con tutor e ginnastica) e bisogna talvolta ricorrere ad un intervento chirurgico. Nello specifico alla “fusione spinale”, per il corretto ripristino della curvatura. Per diagnosticare il problema si utilizza l’angolo di Cobb.

    Sintomatologia e complicanze

    La cifosi dorsale patologica può determinare la presenza di questi sintomi nel soggetto:

    • Dolore anche diffuso in tutta la schiena.
    • Senso di rigidità alla colonna.
    • Tendenza all’affaticamento. I muscoli ed i legamenti della schiena sono infatti soggetti a maggiore stress. Questo causa fatica e stanchezza più frequenti.

    Il soggetto può avvertire un disagio estetico dovuto all’anomalia, questo può condizionare la vita del soggetto in negativo. Se il problema è particolarmente grave, vi saranno anche complicazioni ulteriori, quali:

    • dolore persistente, nonostante l’assunzione di farmaci antidolorifici;
    • difficoltà a respirare, per effetto della compressione a carico di polmoni e vie aeree;
    • disturbi al sistema nervoso, dato lo schiacciamento della colonna;
    • intorpidimento di braccia e gambe, che manifestano problemi nell’equilibrio;
    • perdita del controllo della vescica e della funzione intestinale.