Codeina: caratteristiche, utilizzi e avvertenze importanti

95
Codeina

La codeina è un farmaco antidolorifico oppioide, utilizzato per trattare il dolore da lieve a moderatamente grave. Ma quali sono le caratteristiche di questo medicinale? Quando prenderlo? E quando invece evitare la sua assunzione?

Informazioni importanti sull’uso della codeina

Stando a quanto suggeriscono le ricerche mediche, non si dovrebbe usare la codeina se si hanno problemi respiratori gravi, un blocco nello stomaco o nell’intestino, o frequenti attacchi d’asma o iperventilazione.

La codeina può inoltre rallentare o interrompere la respirazione e può dare assuefazione. L’uso incongruo di questa medicinale può dunque causare delle gravi conseguenze, specialmente in un bambino o in un’altra persona che usa il medicinale senza prescrizione medica. In ogni caso, la codeina non è raccomandata per l’uso sotto i 18 anni né in gravidanza, poiché potrebbe determinare sintomi di astinenza potenzialmente letali nel neonato.

Effetti indesiderati fatali possono verificarsi se si utilizza la codeina con alcool o con altri farmaci che causano sonnolenza o rallentano la respirazione.

Cosa sapere prima di prendere la codeina

Cosa sapere prima di prendere la codeina

Non dovreste usare questo medicinale se siete allergico ad esso, o se si soffre di:

  • asma grave o problemi respiratori;
  • un blocco nello stomaco o nell’intestino;
  • frequenti attacchi d’asma o iperventilazione.

In alcune persone con problemi al fegato, la codeina può raggiungere livelli più alti del normale nell’organismo, creando condizioni di respirazione pericolosamente lenta.

Per assicurarsi che questo medicinale sia sicuro per voi, informate il medico se avete mai avuto:

  • patologie del fegato;
  • asma, BPCO, apnea del sonno o altri disturbi respiratori;
  • curvatura anomala della colonna vertebrale che influenza la respirazione;
  • malattie renali;
  • una trauma cranico o tumore al cervello;
  • bassa pressione sanguigna;
  • ostruzione del tratto digestivo (stomaco o intestino);
  • un disturbo del pancreas;
  • tiroide malfunzionante;
  • malattia di Addison o altro disturbo della ghiandola surrenale;
  • ingrossamento della prostata, problemi di minzione;
  • malattia mentale, dipendenza da droghe o alcol.

Alcuni farmaci possono inoltre interagire con la codeina e causare una condizione grave chiamata sindrome da serotonina. Assicuratevi che il vostro medico sappia se prendete medicine stimolanti, prodotti a base di erbe o medicinali per la depressione, per malattie mentali, per il morbo di Parkinson, per il mal di testa, per gravi infezioni o per la prevenzione di nausea e vomito.

Se si usa questo medicinale durante la gravidanza, il bambino potrebbe diventare dipendente dal farmaco. Questo potrebbe favorire sintomi di astinenza potenzialmente letali anche dopo la sua nascita. Non allattare al seno durante l’assunzione di codeina: questo medicinale può passare nel latte materno e causare sonnolenza, problemi respiratori o morte in un lattante.

Come assumere la codeina

Prendete la codeina esattamente come indicato dal vostro medico e seguite tutte le indicazioni sulla prescrizione. La codeina può rallentare o interrompere la respirazione e, dunque, è bene non usare mai questo medicinale in quantità maggiori o più a lungo di quanto prescritto. Informate il medico se la medicina sembra smettere di funzionare per alleviare il dolore o non ha mai raggiunto i risultati auspicati.

La codeina può dare assuefazione, anche a dosi regolari. Non condividete pertanto mai questo farmaco con un’altra persona, specialmente se ha una storia di abuso di droghe o dipendenza.

Bere da 6 a 8 bicchieri di acqua al giorno per aiutare a prevenire la costipazione mentre si sta prendendo questo medicinale. Non usare un ammorbidente per le feci (lassativo) senza prima chiedere al proprio medico. Non smettere di usare la codeina all’improvviso dopo un uso a lungo termine, al fine di evitare di avere sintomi di astinenza spiacevoli. Domandate dunque al vostro medico come smettere in sicurezza di usare questo medicinale. Conservare a temperatura ambiente lontano da umidità e calore.

Ancora, ricordate che poiché questo medicinale viene usato per fronteggiare condizioni di dolore, non è facile dimenticarsi una dose. Bene comunque non “recuperare” la dose saltata se è quasi l’ora della dose successiva programmata e non prendere medicine extra per compensare la dose dimenticata.

Se invece si assume un dosaggio maggiore rispetto a quello prescritto, è opportuno domandare assistenza medica di emergenza: una dose eccessiva di codeina può essere fatale, specialmente in un bambino o in un’altra persona che usa il medicinale senza prescrizione medica. Il sovradosaggio può causare grave debolezza muscolare, pelle fredda e umida, respiro molto lento, sonnolenza estrema o coma.

Infine, ricordiamo come durante l’assunzione della codeina è bene evitare di bere alcolici, poiché potrebbero verificarsi effetti collaterali pericolosi. La codeina può altresì compromettere il pensiero o le reazioni. Evitate di guidare o di usare macchinari fino a quando non sapete in che modo questo medicinale vi influenza. Vertigini o sonnolenza possono causare cadute o altri incidenti.

Effetti collaterali

Effetti collaterali Codeina

Domandate un’assistenza medica di emergenza se si hanno segni di una reazione allergica alla codeina come orticaria, respiro difficile, gonfiore del viso, delle labbra, della lingua o della gola. Come altri farmaci narcotici, la codeina può rallentare la respirazione: domandate quindi un pronto soccorso se notate una respirazione molto lenta con lunghe pause, labbra colorate di blu, o avete difficoltà a svegliarvi.

Ancora, chiamate il vostro medico se notate:

  • respirazione rumorosa, sospiri, respirazione superficiale;
  • una frequenza cardiaca lenta o polso debole;
  • una sensazione di testa leggera, come se si potesse svenire;
  • confusione, agitazione, allucinazioni, pensieri o comportamenti insoliti;
  • sentimenti di estrema felicità o tristezza;
  • sequestro (convulsioni);
  • problemi con la minzione;
  • bassi livelli di cortisolo – nausea, vomito, perdita di appetito, vertigini, peggioramento della stanchezza o debolezza.

Rivolgersi immediatamente al medico se si hanno sintomi di sindrome serotoninergica, come: agitazione, allucinazioni, febbre, sudorazione, brividi, battito cardiaco accelerato, rigidità muscolare, spasmi, perdita di coordinazione, nausea, vomito o diarrea.

Gli effetti indesiderati gravi possono essere più probabili negli anziani e nei pazienti in sovrappeso, malnutriti o debilitati. L’uso a lungo termine di farmaci oppiacei può influire sulla fertilità negli uomini o nelle donne. Non è noto se gli effetti oppioidi sulla fertilità siano permanenti.

Gli effetti collaterali della codeina comune includono:

  • sensazione di vertigini o sonnolenza;
  • nausea, vomito, mal di stomaco;
  • stipsi;
  • sudorazione;
  • lieve prurito o eruzione cutanea.

Considerato che questo non è certamente un elenco completo di effetti collaterali e che altri possono verificarsi, contattate sempre il vostro medico in caso di qualsiasi anomalia durante il periodo di assunzione della codeina.

Interazione con altri farmaci

I farmaci narcotici (oppiacei) possono interagire con molti altri farmaci e causare effetti collaterali anche gravi. Assicuratevi dunque che il vostro medico sappia se usate anche:

  • altri farmaci narcotici – farmaci per il dolore da oppiacei o farmaci per la tosse prescritti;
  • un sedativo come Valium – diazepam, alprazolam, lorazepam, Ativan, Klonopin, Restoril, Tranxene, Versed, Xanax e altri;
  • farmaci che facilitano il sonno o rallentano la respirazione – un sonnifero, un rilassante muscolare, un tranquillante, un antidepressivo o un antipsicotico.

Ad ogni modo, quello di cui sopra non è un elenco completo, considerato che anche altri farmaci possono interagire con la codeina, compresi farmaci da prescrizione e da banco, vitamine e prodotti a base di erbe.