Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Lenizak, un antidolorifico forte a base di oppiacei

Viene utilizzato per trattare la sintomatologia a breve termine del dolore acuto, oppure moderato o grave nelle persone adulte.

Lenizak è un farmaco che contiene al suo interno i principi attivi tramadolo cloridrato e dexketoprofene. Il primo è un antidolorifico che rientra a far parte del gruppo dei farmaci derivati dall’oppio.

Questi farmaci agiscono sul nostro organismo attraverso il sistema nervoso centrale. Alleviano il dolore agendo sulle cellule nervose cerebrali e anche quelle del midollo spinale. Il secondo invece è un antidolorifico che appartiene al gruppo degli antinfiammatori non steroidei, cioè i FANS.

Viene utilizzato per trattare la sintomatologia a breve termine del dolore acuto, altrimenti moderato o grave nelle persone adulte. Rivolgetevi al vostro medico se le condizioni non migliorano o se notate un peggioramento dei sintomi durante la cura farmacologica.

Informazioni utili prima della somministrazione di Lenizak

Lenizak non deve essere somministrato in presenza dei seguenti disturbi:

1. In particolare se siete allergici al ai principi attivi, o anche ad un qualsiasi altro eccipiente presente nel medicinale.

2. Se siete allergici all’acido acetilsalicilico o ad un altro FANS

3. Se avete sofferto o soffrite ancora di attacchi di asma, rinite allergica in forma acuta, polipi nasali, orticaria, angioedema, dispnea dopo aver assunto i farmaci antinfiammatori non steroidei

4. Se avete avuto reazioni fotoallergiche, o anche fototossiche, cioé arrossamento della pelle con formazione di vescicole in seguito ad esposizione solare durante la terapia con ketoprofene

5. Se soffrite di ulcera peptica, o sanguinamento gastrico ed intestinale, o se in passato avete avuto episodi di sanguinamento gastrico ed intestinale, compresi episodi associati ad un impiego precedente di farmaci FANS

6. Se avete disturbi alla digestione di natura cronica, come indigestione e bruciore di stomaco

7. Se soffrite di malattia intestinale cronica come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn

8. Se soffrite di insufficiente cardiaca gravemente

9. Se soffrite di patologie renali moderate o gravidanza

Altre informazioni da seguire

10. In particolare se soffrite di patologie epatiche gravi

11. Se soffrite di disordini emorragici o della coagulazione del sangue

12. Se siete gravemente disidratati, cioè se avete perso molto liquidi a causa di diarrea, vomito o assunzione insufficiente di liquidi

13. Se avete avuto episodi acuti di intossicazione da sonniferi, ad esempio anche da alcol, da antidolorifici o medicinali che influenzano l’emotività e lo stato dell’umore

14. Se state somministrando farmaci inibitori delle monoammino ossidasi, cioè IMAO, impiegati per il trattamento della depressione. Anche, ad esempio, se li avete assunti negli ultimi 14 giorni prima del trattamento farmacologico con questo medicinale

15. Se soffrite di episodi di convulsioni o epilessia, perché potrebbe aumentare il rischio di eventuali attacchi

16. Se avete difficoltà respiratorie

17. Se siete incinta o anche nella fase dell’allattamento al seno

Effetti indesiderati

Effetti indesiderati Lenizak

Come tutti i farmaci, Lenizak può determinare la comparsa di effetti indesiderati, anche se non tutti i pazienti li manifestano. In base alla loro frequenza ad esempio, elencheremo i possibili disturbi. Dovete consultare tempestivamente il vostro medico se credete di avere una reazione allergica. Se compare gonfiore al viso, alla lingua, alla gola con difficoltà respiratorie ed orticaria recatevi all’ospedale più vicino.

La somministrazione deve essere interrotta in caso di comparsa di rush cutaneo, anche di lesioni al cavo orale. Nonché sulla membrana mucosa o ad esempio in presenza di allergia. Inoltre, gli effetti indesiderati molto comuni che possono colpire 1 persona su 10 sono, a titolo di esempio, quelli sotto.

1. Nausea

2. Sonnolenza

Effetti indesiderati comuni:

1. Mal di stomaco

2. Diarrea

3. Difficoltà nella digestione

4. Cefalea

5. Capogiri

6. Affaticamento

7. Costipazione

8. Secchezza delle fauci

9. Aumento della sudorazione

Altri effetti indesiderati

Effetti indesiderati non comuni che possono manifestarsi ad 1 persona su 100:

1. Aumento della conta delle piastrine

2. Palpitazione, tachicardia, debolezza e anche collasso

3. Pressione sanguigna bassa.

Poi ci sono anche degli effetti indesiderati che possono manifestarsi specialmente in pazienti che si trovano in posizione eretta, nonché, che stanno svolgendo uno sforzo fisico elevato. Per esempio:

1. Gonfiore della laringe con edema

2. Riduzione dei livelli di potassio nel sangue

3. Disturbi di origine psicotica

4. Gonfiore nella zona oculare

5. Respirazione rallentata o poco profonda

6. Disagio

7. Sensazioni anomale