Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Il colesterolo cattivo, un grasso comunque indispensabile

Il tipo di colesterolo che mette il cuore a rischio è LDL – il colesterolo “cattivo”: si accumula nelle pareti dei vasi sanguigni e può causare blocchi nel flusso del sangue.

Che cosa è l’LDL?

Il colesterolo è spesso demonizzato ma è un grasso essenziale di cui le cellule del nostro corpo hanno di bisogno per funzionare correttamente. Alcuni tipi di colesterolo provengono dal cibo che si assume con la normale dieta e, altri invece sono sintetizzati a livello epatico dal fegato. L’Ldl non si può sciogliere nel sangue, ma è costituito in modo che le proteine flusso ematico lo portino a destinazione. Questi vettori sono chiamati “lipoproteine”.

LDL è un cercio microscopica che è costituito da un bordo esterno della lipoproteina che circonda un centro di colesterolo. Il suo nome completo è “lipoproteine a bassa densità”. Anche se gli attacchi di cuore sono imprevedibili, i livelli più elevati di LDL aumentano il rischio di malattie cardiache. . I livelli di LDL troppo alti mettono a maggior rischio di un attacco di cuore a causa di un improvviso coagulo di sangue. Per controllare i livelli di colesterolo cattivo basterà un semplice esame del sangue di routine. Se i livelli sono alti, la dieta e la medicina possono aiutare a ridurlo.

Cosa fare in caso di colesterolo alto?

Che cosa è l'LDL?

Una dieta sana ed esercizio fisico possono contribuire a ridurre i livelli di LDL. È possibile ridurre i valore ematici di colesterolo ancora di più se si aggiungono alla dieta steroli vegetali (come la margarina per abbassare il colesterolo o dadi). Un basso livello di colesterolo LDL è considerato un buon segno per la vostra salute del cuore e di tutto il sistema circolatorio. Una dieta ricca di grassi saturi aumenta il colesterolo LDL. I livelli ematici di colesterolo “cattivo” LDL vengono sempre considerati al momento di valutare il rischio di malattie cardiache.

Il meccanismo di trasporto

Il colesterolo è una sostanza grassa. I grassi non sono idrosolubili e quindi non possono essere trasportati nel sangue da soli. La soluzione del corpo a questo problema è quello di legare il colesterolo a certe proteine che funzionano come veicoli di trasporto per diversi tipi di grassi come il colesterolo, trigliceridi (TG) e fosfolipidi. Queste combinazioni di grassi e proteine sono lipoproteine definite. La quantità di colesterolo trasportata in diverse lipoproteine può fornire informazioni importanti circa il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari (CVD). LDL-C è un indicatore importante per il rischio di sviluppare malattie cardiache conseguenti all’ostruzione di vene e arterie.

Le malattie cardiovascolari

Esiste una correlazione diretta tra i livelli di LDL-C ed il rischio di malattie cardiovascolari, sia in persone di entrambi i sessi, è tutt’ora oggetto di moltissimi studi da parte dei ricercatori di tutto il mondo. I dati disponibili suggeriscono che l’abbassamento dei livelli ematici di LDL riduce il rischio di malattie cardiovascolari. Secondo la European Society of Cardiology, i risultati di studi epidemiologici e clinici confermano che la riduzione di LDL-C deve essere di primaria importanza nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Colesterolo: che cos’è

Il colesterolo è una molecola organica inclusa nella famiglia degli steroli. Gli steroli sono sostanze chimiche, classificate come lipidi o grassi, anche se sono chimicamente differenti da altri tipi di grassi alimentari, quali trigliceridi e fosfolipidi. Diversamente dai trigliceridi, gli steroli non contengono acidi grassi. Il colesterolo è uni degli steroli più noti, soprattutto a causa del suo ruolo in aterosclerosi e malattie cardiovascolari.

La struttura del colesterolo

La struttura del colesterolo

Il colesterolo è un importante componente strutturale delle membrane cellulari ed è particolarmente abbondante in nervi e tessuto cerebrale. E’ anche una molecola. Ad esempio, la vitamina D è sintetizzata dal colesterolo. Il colesterolo è anche un precursore degli ormoni importanti come progesterone, glucocorticoidi (cortisolo), mineralcorticoidi (aldosterone), androgeni (testosterone) ed estrogeni.

Il colesterolo si trova solo negli alimenti di origine animale. Poiché il corpo può sintetizzare il colesterolo, non è necessario inserirlo nella dieta. La maggior parte del nostro colesterolo è sintetizzato dal fegato. Gli studi hanno dimostrato che l’aumento del colesterolo nella dieta può ridurre la sintesi, anche se probabilmente non di un importo equivalente.

Mantenere i livelli di colesterolo sotto la soglia indicata dal medico è un ottimo modo per mantenere il cuore sano, questo diminuisce la probabilità di avere una malattia cardiaca o di avere un ictus..I medici raccomandano a tutti gli adulti sopra i 20 anni d’età di controllare periodicamente il livello di colesterolo nel sangue, nei soggetti a rischio di effettuare questo controllo ogni 4 o 6 mesi. Il colesterolo totale e colesterolo HDL sono tra i valori del sangue che il medico può utilizzare per prevedere il rischio entro 10 anni per un attacco di cuore o ictus. L’attività fisica di tipo aerobico aiuta a mantenere il cuore sano ed è un arma formidabile per la prevenzione di malattie cardiache e per contrastare alti livelli di colesterolo.

Se la dieta ed esercizio fisico non sono sufficienti, il medico può suggerire farmaci, alcuni di questi come le statine, aiutano bloccare la sintesi di colesterolo nel fegato.

Le lipoproteine

Un pannello lipidico standard fornisce informazioni circa la quantità di colesterolo trasportato da diverse lipoproteine. Ci sono cinque tipi principali di lipoproteine; chilomicroni, lipoproteine a bassa densità (VLDL), intermedio-HDL (IDL), lipoproteine a bassa densità (LDL) e lipoproteine ad alta densità (HDL). LDL è chiamato “lipoproteine a bassa densità”, perché le particelle LDL tendono ad essere meno dense rispetto ad altri tipi di particelle di colesterolo. Il colesterolo HDL (HDL-C) è spesso chiamato il colesterolo “buono”, mentre LDL-C è di solito definito il colesterolo “cattivo”.

Colesterolo LDL (il colesterolo cattivo)

Elevati livelli di LDL-C nel sangue sono associati ad un aumentato rischio di aterosclerosi e malattie cardiache. Ci sono speciali recettori sulla superficie delle cellule che si legano LDL-C, questi sono chiamati recettori LDL. Una mancanza di recettori LDL può ridurre l’assorbimento del colesterolo da parte delle cellule, costringendolo a rimanere nella circolazione innalzando i livelli ematici.

Malattie croniche

Nell’ipercolesterolemia familiare, che è una malattia genetica, il corpo non è in grado di rimuovere LDL dal sangue. Questo porta ad alti livelli di LDL-C nel sangue, che può gravemente aumentare il rischio di malattie cardiovascolari, anche in giovane età.

Gli esami del sangue in genere riportano LDL-C. Questi numeri sono solitamente basati sul calcolo, utilizzando la formula di Friedewald che include il colesterolo totale, HDL-C e trigliceridi.

Colesterolo, come contrastare l’LDL con rimedi naturali

Giunti a questo punto del nostro approfondimento sul colesterolo “cattivo”, non ci rimane che comprendere in che modo poter procedere al suo contenimento e al contrasto attraverso qualche utile rimedio naturale del quale potete ovviamente parlare con il vostro medico di riferimento.

Il primo rimedio particolarmente utile è certamente quello di procedere con una pulizia del fegato, particolarmente importante per poter ripristinare il giusto livello di colesterolo nel sangue. Si tenga conto che il fegato genera tra le 3 e le 8 volte il colesterolo che una dieta normale può contenere, e che se si eliminasse completamente l’assunzione di colesterolo mediante l’alimentazione, si scoprirebbe comunque che nel corpo è presente anche una quota di colesterolo pari ad almeno il 75%. Pertanto, una buona pulizia del fegato permetterà di rendere questo organo ancora più efficiente, contrastando il colesterolo cattivo.

Un secondo rimedio molto utile è legato all’esercizio fisico. Oltre ai vantaggi che probabilmente già conoscete, l’esercizio fisico può aiutare anche ad incrementare il colesterolo HDL e ridurre il colesterolo LDL. È sufficiente praticare un esercizio aerobico tutti i giorni per 20-30 minuti, riequilibrando in tal modo i vari livelli di colesterolo. Se proprio non vi piace procedere con le attività aerobiche, potete limitarvi a camminare per 15 minuti al mattino e 15 minuti all’ora di pranzo.

Altro rimedio anti-colesterolo cattivo è poi legato al controllo della glicemia: rapidi cambiamenti della presenza di zucchero nel sangue, così come la presenza di insulina in eccesso, favoriscono gli incrementi dei livelli di colesterolo LDL. Ricordate che i carboidrati semplici hanno un indice glicemico più alto e vengono assimilati molto rapidamente, mentre i carboidrati complessi richiedono più tempo per essere digeriti  e assimilati, consentono di assorbire più lentamente gli zuccheri. Numerosi studi hanno indicato che i cibi ad alto indice glicemico contribuiscono a incrementare il livello di colesterolo LDL, inducendo un eccesso di insulina che a loro volta fa sì che le cellule riversino nel sangue un aumento del colesterolo LDL.

Inoltre, ricordate dell’opportunità di ricalibrare la vostra dieta andando a ridurre la quantità di alimenti che sono ricchi di colesterolo, come gli organi degli animali, il tuorlo d’uomo, il burro, lo strutto, i frutti di mare, i salumi grassi, i formaggi grassi, le frattaglie, le carni grasse.

A questo punto, non ci rimane infine che rammentare come un utilissimo rimedio contro il colesterolo è rappresentato dalle piante che potete trovare in natura. Se parlerete con un buon erborista, probabilmente vi ricorderà che l’aglio è una pianta che abbassa il colesterolo cattivo incrementando i livelli di quello buono. Positivo è anche l’apporto della foglia di carciofo, con uno studio che ha scoperto come 1.800 mg di estratto di foglia di carciofo al giorno, per sei settimana, potrebbero essere d’aiuto per poter abbassare il colesterolo totale del 18,5% e il colesterolo LDL del 22,9%.

Tra gli altri alimenti che vi consigliamo di condividere con il vostro erborista c’è anche il te verde, con ottime proprietà antiossidanti, e il guggul, un particolare tipo di erba che può abbassare i trigliceridi del 30% e ridurre il colesterolo LDL della stessa entità, favorendo nel contempo l’incremento del colesterolo HDL del 20%. Ultimo – ma non certo meno importante – è il ruolo dello zenzero, con tanti studi che hanno dimostrato come questo elemento possa ridurre in maniera significativa i livelli di colesterolo nel sangue e l’assorbimento del colesterolo da parte del fegato, stimolando così la conversione in modo positivo del colesterolo in acidi biliari.