Corsodyl, un collutorio per mantenere la migliore igiene orale

Che cos'è e come si usa Corsodyl, un buon collutorio per favorire il corretto mantenimento della giusta igiene orale.

Corsodyl
credit: stock.adobe.com

Corsodyl è un noto collutorio utile per poter prevenire la formazione di placca sui denti, mantenere l’igiene orale, prevenire e trattare le malattie gengivali, promuovere la guarigione delle gengive dopo un intervento chirurgico dentale.

Non solo: Corsodyl è spesso indicato per la gestione delle afte, del mughetto orale (candida) e dell’infiammazione del rivestimento della mucosa della bocca a causa dell’irritazione della protesi dentaria.

A cosa serve

Il collutorio Corsodyl contiene il principio attivo clorexidina, antisettico e disinfettante.

La clorexidina è attiva contro vari batteri, virus, spore batteriche e funghi. È infatti in grado di uccidere i microrganismi associati a varie infezioni della bocca e della gola, e altre condizioni comuni nella cavità orale.

Quanto sopra non può che includere, ovviamente, i funghi Candida albicans, che causano infezioni da mughetto in bocca, e i batteri che possono infettare le afte o altre zone doloranti della bocca, per esempio dopo un intervento chirurgico dentale. L’infezione di queste aree aumenta il disagio e ritarda la guarigione.

È stato inoltre dimostrato che la clorexidina, quale principio attivo di Corosyl, è utile per prevenire la formazione e l’accumulo di placca sui denti, e aiuta a prevenire l’infiammazione delle gengive (gengivite). L’uso del collutorio è particolarmente utile quando lo spazzolamento dei denti è un problema, ad esempio dopo un intervento chirurgico. L’azione di risciacquo della bocca con il collutorio fornisce un’azione meccanica di pulizia della bocca. Uccide anche i microrganismi nelle zone di contatto.

Alveolite, un’infiammazione che compare dopo le estrazioni dei denti

Come si usa

Gli adulti e i bambini di età superiore ai 12 anni dovrebbero usare 10ml di collutorio per sciacquare a fondo la bocca per circa un minuto, due volte al giorno. Dopo l’uso, sarà sufficiente sputare il collutorio. Per gestire l’infiammazione della bocca causata dallo sfregamento della protesi dentaria, la protesi dentaria deve essere pulita e immersa nel colluttorio per 15 minuti due volte al giorno.

Cosa sapere prima di usare Corsodyl

collutorio Corsodyl
credit: stock.adobe.com

Il collutorio Corsodyl deve essere usato come indicato dal proprio dentista, o nel foglietto informativo del prodotto, per sciacquare la bocca. Il collutorio deve essere sputato immediatamente dopo l’uso, e non ingerito, sebbene anche l’ingestione accidentale non dovrebbe causare danni.

La clorexidina è incompatibile con alcuni ingredienti dei dentifrici convenzionali. Per questo motivo, dopo aver usato il dentifricio per lavarsi i denti, si dovrebbe sciacquare la bocca con acqua e attendere cinque minuti prima di usare questo collutorio. Oppure, si può usare il collutorio in un momento della giornata diverso da quando ci si lava i denti.

Se si utilizza il collutorio Corsodyl per afte o infezioni del mughetto orale, si consiglia di continuare ad usarlo per due giorni dopo che i sintomi si sono risolti. In questo modo i microrganismi rimanenti vengono uccisi, evitando così che la condizione si ripresenti.

Evitare che il collutorio venga a contatto con gli occhi e le orecchie. Se ciò avviene accidentalmente, si può sciacquare immediatamente e abbondantemente con acqua. Evitare di sbiancare i tessuti che sono stati a contatto con questo collutorio, poiché potrebbero svilupparsi macchie marroni.

Chi non dovrebbe usarlo

Corsodyl non è consigliato ai bambini al di sotto dei 12 anni, a meno che non sia raccomandato da un operatore sanitario. Non dovrebbe nemmeno essere usato da persone allergiche a qualsiasi ingrediente del collutorio.

Corsodyl in gravidanza o allattamento

Corsodyl è un collutorio sicuro e, dunque, può essere usato anche in gravidanza e allattamento.

Xilitolo, un alleato contro placca e gligemia

Effetti collaterali

I farmaci e i loro possibili effetti collaterali possono colpire le singole persone in modi diversi. Per quanto attiene Corsodyl, è possibile che si determinano:

  • disturbo temporaneo del gusto;
  • bruciore, formicolio o sensazione di intorpidimento sulla lingua;
  • secchezza delle fauci;
  • colorazione temporanea della lingua;
  • colorazione marrone dei denti;
  • peeling dell’interno della bocca;
  • gonfiore delle ghiandole salivari.

Se il collutorio causa dolore, irritazione o gonfiore in bocca o difficoltà respiratorie, è fondamentale smettere di usarlo e chiedere consiglio al farmacista, al medico o al dentista.

Ricordiamo infine che il collutorio Corsodyl non interagisce con altri medicinali e, dunque, può essere utilizzato con altri farmaci.

Bibliografia

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella. Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia