Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Farina di carrube, i benefici di un alimento naturale e leggero

La farina di carrube si estrae dai semi che si trovano all’interno dei baccelli e tale frutto è stato da sempre impiegato per l’alimentazione del bestiame, mentre i semi si utilizzano per realizzare la farina. La farina di carrube è un prodotto ricchissimo di zuccheri naturali e carboidrati e allo stesso tempo è povera di grassi.

Questo prodotto è un valido sostituto del cacao in polvere, ma a differenza di questo, non contiene caffeina ed ha un valore energetico pari a 380 calorie per 100 grammi di prodotto. Essendo un alimento di origine vegetale non contiene colesterolo e su un quantitativo pari a 100 grammi, troviamo un solo grammo costituito da grassi.

Le proteine che si trovano nella farina di carrube sono 4 grammi sempre per un etto di prodotto e nello stesso quantitativo troviamo 40 grammi di fibra vegetale e 49 grammi di zuccheri naturali. Tra gli elementi importanti che troviamo all’interno di questo alimento, il calcio ed il ferro, occupano un posto di rilievo e per 100 grammi di prodotto troviamo un contenuto pari al 30% del fabbisogno giornaliero di ferro, ed il 45% del fabbisogno giornaliero di calcio.

Tale prodotto contiene le vitamine del gruppo B, la vitamina A, potassio e magnesio e sono molti studi effettuati proprio sulla farina di carrube, per individuarne tutte le qualità benefiche per la nostra salute. In base a recenti studi, è stato possibile individuare proprietà antiossidanti, ipercolesterolemizzanti, ovvero la riduzione della concentrazione ematica del colesterolo LDL e proprietà sazianti, perché in grado di ridurre la velocità dello svuotamento dello stomaco e prolungare a sua volta il senso di sazietà.

Impieghi della farina di carrube nella cioccolata

Impieghi della farina di carrube nella cioccolata

La farina di carrube viene molto utilizzata in ambito gastronomico, per la preparazione di dolci, perché come abbiamo già accennato è un valido sostituto del classico cacao in polvere, dal minore impatto sociale ed ambientale. Al palato infatti, tale alimento ricorda moltissimo il cacao in polvere e per utilizzarlo come sostituto nella preparazione di dolci, basta aggiungere la stessa quantità che solitamente si aggiunge quando si utilizza il cacao. Se si vuole utilizzare la farina di carrube come sostituto del cioccolato, basta impiegare per ogni quadratino di cioccolato tre cucchiaini di farina di carrube e procedere come indicato nella ricetta.

Essendo un alimento particolarmente dolce, viene impiegata anche in sostituzione dello zucchero, specialmente nella preparazione di dolci da forno fatti in casa. Tutto questo è possibile grazie all’elevato quantitativo, che troviamo nella farina di carrube, di zuccheri naturali. Al palato, tale prodotto è considerato molto più dolce rispetto al cacao amaro in polvere, e per questo bisogna regolarci di conseguenza nella preparazione di dolci fatti in casa, anche in base ai gusti personali.

Per conservare la meglio la farina di carrube, è necessario riporla dentro un contenitore di vetro, possibilmente con la chiusura ermetica, in maniera tale da conservare tutte le sue caratteristiche alimentari, ed inoltre deve essere lontano da fonti di calore in un luogo fresco ed asciutto. Tra i vari impieghi della farina di carrube, di certo non possiamo dimenticare l’utilizzo come addensante naturale, per la preparazione di vellutate, di creme, dolci, salse per condire carne, gelati e confetture.

Altri impieghi

Altri impieghi

Nella carrube troviamo infatti la pectina ovvero un gelificante naturale ed addensante, utilissimo in ambito culinario e nell’industria alimentare. Con questa farina si possono inoltre preparare gustose bevande calde, come sostituto del caffè solubile, oppure del caffè d’orzo in polvere o del cacao. Se consideriamo la farina di carrube dal punto di vista di bevanda sostitutiva, è un prodotto validissimo, specialmente per coloro che non possono assumere caffè o cacao per via della caffeina che si trova al loro interno. Una parte della farina di carrube potrebbe essere un ingrediente aggiuntivo per la realizzazione della pasta fresca fatta in casa, oppure per la preparazioni di pane speciale.

In Italia, in particolar modo in Sicilia, con questo alimento vengono preparate gustosi risotti, gnocchi fatti a mano, tagliatelle, granite e mostaccioli. Dal punto di vista della salute, il consumo della farina di carrube è consigliato specialmente a coloro che stanno seguendo una dieta per il controllo del peso corporeo, perché come abbiamo detto inizialmente, rappresenta un alimento dal potere saziante e in alcuni casi anche per coloro che soffrono di patologie all’apparato digerente.